Comment Crisis

Sorry! Blogspot makes it almost impossible for real people to comment directly at the end of each post.
Your feedback is welcome via Google+, the SLArtsParks page on Facebook, or tweet #slartsparks or @thirzaember.

Sunday, June 29, 2008

Terror at Sybirya

I mentioned in my last post the additions to the Verne collection, and builder Clematilde Oyen just sent me some pictures - it's spectacular! Enjoy them and her description in English and Italian... I'm willing to bet that *ArtsParks* is the only blog you'll see this week with the word 'fuseiform' in prominent use, and if you don't rejoice in it, well then, you're not the reader I took you for...
I found The Master of the World a cracking read I'm sure you will too. Don't forget though: a picture paints a thousand words, but a virtual visit puts that figure in the millions, so TP over to Sybirya right now and see for yourself... and hey, how come you haven't voted for Best Spanish Painter yet?
Ecco alcune bellissime immagini del Parco Verne, a Sybirya, Clematilde Oyen ci ha anche fornito una descrizione in inglese e italiano leggi e goditi le foto stupende.
Forse come me ti verrà voglia di rileggere questo e altri romanzi di Verne, sono perfetti per le lunghe giornate in spiaggia, ma non dimenticare di visionare le macchine di Verne -versione SL a Sybirya. Troverai etext disponibili e poi è divertentissimo esplorare le macchine e l'ingegnosa fantasia di Verne, Oyen e DeCuir in 3D! Ma prima di andarci, devi votare il tuo pittore spagnolo preferito qui a lato...

Clematilde Oyen wrote:
ENGLISH
As promised the Sybirya is adding new things to its collection of wonderful machines and diorama dedicated to the french genius Jules Verne, one of the greatest storytellers of fantasy, capable of anticipating a hundred years years with his inventions. It is 'the turn of a machine from the novel "The master of the world", which is the sequel of the previous "Robur the conqueror". Visiting the Sybirya, on the right side of this huge flying island, you can admire the "Epouvante".
Warning: below is revealed, wholly or in part, the plot of "The master of the world".
The "épouvante" is a fantastic machine generated by the imaginative genius of "Jules Verne" in the story: "The master of the world". This machine is able to make a real metamorphosis from terrestrial locomotion to marine locomotion, ship or submarine, and finally to airplane. It is fuseiforme, it able to gain very high speed (for the time of the story) and is led by a crew of two men and the extravagant "Captain Robur", so proud to self proclaim "master of the world" and to challenge the forces of nature: he will die together with his prodigious invention into the superb attempt to defy a hurricane.
ITALIANO
Come promesso il Sybirya sta ingrandendo la sua collezione di meravigliose macchine e diorama dedicate al genio francese Jules Verne, uno dei più grandi narratori di fantasia capace di anticipare di un centinaio di anni i tempi con le sue invenzioni. E' la volta di una macchina tratta dal romanzo "Il padrone del mondo", che è un po' il seguito del precedente Robur il conquistatore. Visitando il Sybirya, sulla parte destra di questa enorme isola volante, potrete ammirare l'Epouvante.
Attenzione: di seguito viene rivelata, del tutto o in parte, la trama di "Il padrone del mondo".
L'épouvante è una macchina fantastica generata dal genio immaginifico di "Jules Verne" nel racconto: "Il padrone del mondo". Tale macchina è in grado di effettuare una vera e propria metamorfosi passando da mezzo di locomozione terrestre a mezzo di locomozione marino, nave o sommergibile ed infine aereo. Di forma fuseiforme, raggiunge altissime velocità (per l'epoca del racconto) ed è guidato da un equipaggio di due uomini e dallo stravagante "Capitano Robur", orgoglioso a tal punto da autodefinirsi "Padrone del mondo" e da sfidare le forze della natura: egli infatti morirà assieme alla sua prodigiosa invenzione nel superbo tentativo di sfidare un uragano.



To see pictures from various editions of the Verne novel, click here
Clicca qui per visionare immagini tratte dal libro Il padrone del mondo.

Wednesday, June 25, 2008

Big Five

Whew too much cake and soda, the party balloons are starting to deflate and I think the clown just threw up in the pool... so now we are five, and somewhat partied out. But just in case the summer is beckoning you away from your screen, let me give you a round-up of some upcoming events from friends of ArtsParks.
The Guild of UK Writers are putting their work on display in a Big Book of Poetry organized by Harriet Gausman. It's a wonderful way to encounter new work, especially if you're not always free to attend the weekly guild meetings and just would like to drop in to the Wood for some quality time with verse. Take a friend. You'll find the book at
Milk Wood. For more writerly events going on in SL, you can IM Kghia Gherardi who puts out regular lists of all things English-literary.
Cristobal Fargis of Strong Visions has put together a new show at
New Vision with work from German, Dutch, US and Italian artists. The note says: "In 400 m high over the gallery you can enter JURIA YOSHIKAWAs amazing Space Installation “Kaleidoscope Flowerchild Glowball” (TP and flyfeather in the Poster near the entrance)" Come on, how can you say no to that.
There are new delights at the
Jules Verne park at Sybirya: the machine The Terror aka 'Epouvante' from the book The Master of the World ooo check out these pictures and then compare with Clematilde Oyen and Magica De Cuir's 3D version... there's also a rather fun doll's house at the Verne park, and for you out-doorsy types, a riding stable.
Arts against Wars and Ipazia Cortez are preparing an exhibition themed around Noah's ark at
Porto Cervo The show will be called ARCA and poses the always cheerful question: Mankind is destroying itself, what can we do about it? The show is interactive and I'm sure many of you have thoughts on this topic, if you'd like to share, Ipazia would love to hear from you write her directly at corpore2002@libero.it and get involved!
If you look to the left of this blog you'll see the new poll Best Spanish Painter? Please vote! The last poll was for Best Russian Author, congratulations to the three readers who picked up on the fact that Franz Kafka was Czech not Russian. Despite this, Kafka won, but you're quite wrong, you know;
Pasternak is better...
*****
Il calore estivo t'invita ad abbandonare la tastiera, lo so, ma se spegni adesso perdi le novità bellissime preparato dagli amici di ArtsParks.
Harriet Gausman del Guild of UK Writers questo mese offre al pubblico un Grande Libro di poesie scritte dai membri del gruppo, se non hai ancora avuto tempo di visitare Milk Wood, perché non farci un salto, il bosco è delizioso e il libro molto bello, sono davvero bravi questi poeti.
Cristobal Fargis della Strong Visions ci propone una nuova mostra internazionale alla galleria
New Vision con una scultura "Kaleidoscope Flowerchild Glowball" a 400m metri - da non perdere.
Ci sono novità anche al
parco Verne, a Sybirya, la macchina Epouvante (Lo Spavento) dal libro Il padrone del mondo. Clicca qui per vedere immagini d'epoca e confrontarle con la splendida versione 3D di Clematilde Oyen e Magica De Cuir. Troverai a Sybirya anche una divertente casa delle bambole e per i sportivi un maneggio per cavalli.
Con il suo gruppo Arts Against Wars, Ipazia Cortez prepara ARCA, come l'uomo distrugge se stesso a
Porto Cervo, non potete perderla si terrà all'interno di un'... arca di Noè. La mostra è interattiva e lancia una domanda: come l'uomo può salvarsi da se stesso? Se avete un pensiero da condividere, la puoi scrivere direttamente a corpore2002@libero.it e fare parte di questa iniziativa.
Se guardi sopra a sinistra vedrai c'è un nuovo sondaggio, questa volta sui pittori spagnoli: Best Spanish Painter? Si vota!! Nel sondaggio precedente si votava per il miglior autore russo. Congratulazioni ai tre lettori che hanno notato tra gli scrittori russi la presenza del ceco Franz Kafka. Nonostante le sue origini non russe, ha vinto Kafka, ma vi siete sbagliati tutti, lol, il più bravo è e sarà sempre
Pasternak...

Joan Mirò Le Chanteur

Sunday, June 22, 2008

Time Travel: The Wellsian Library at Caledon

One cannot choose but wonder. Will he ever return? It may be that he swept back into the past, and fell among the blood-drinking, hairy savages of the Age of Unpolished Stone... Or did he go forward, into one of the nearer ages, in which men are still men, but with the riddles of our own time answered and its wearisome problems resolved? Into the manhood of the race... He, I know, saw in the growing pile of civilization only a foolish heaping that must inevitably fall back upon and destroy its makers in the end. If that is so, it remains for us to live as though it were not so. And I have beside me, for my comfort, two strange white flowers - shrivelled now, and brown and flat and brittle - to witness that even when mind and strength are gone, gratitude and a mutual tenderness still lived on in the heart of man.
- The Time Machine, H.G. Wells.
Ah, the romance of travel. No-one did it with more style than the Victorians, whether in real time and space or through the virtual reality of ink and paper. So what a delight to discover, in the Independent State of Caledon, a place dedicated to "The Art of Going", where books about real and imaginary voyages undertaken in the 19th century have been brought together under one impressive roof at the Wellsian Library. The library is named after H. G. Wells, author of such late 19th century classics as The Invisible Man, War of the Worlds, The Island of Dr. Moreau and The Time Machine. My personal favourite is the short story The Door in the Wall - and if you just clicked on that link, you're going to love this place and indeed all the libraries curated by Mr. JJ Drinkwater pictured above.
Despite his hectic schedule as chief librarian - a job that, among other things, involves liasing with literary groups in SL, organizing events, overseeing additions to the collections, and keeping track of the preparation of new buildings and learning tools, Mr. Drinkwater very kindly took the time show me how the library's impressive resources are managed. He also called me Miss Ember, I could get used to that. There are so many things here to tell you about, big and small, but here's a taste of what is available.
Click on the H.G.Wells travel trunk, and take home his collected works. Or pick up the complete works of Edgar Allen Poe. Presided over by a fine model of the Time Machine itself (and yes, of course you can sit in it) the bookshelves at the Wellsian provide links to the travel writings of all the great British authors of what is styled the 'long 19th century' embracing the works of Daniel Defoe on the eve of the industrial revolution, through to the opening salvoes of the Great War, via such literary geniuses and wits as Boswell and Charles Dickens: "My favourite travel piece by Dickens is 'Our French Watering-place'," Mr Drinkwater told me. I'd never read it, and I said so. He smiled. "You'll find it on the shelves here." And indeed I did.
Steampunk is the defining genre of the 30 sims that make up Caledon. If you're not familiar with the word, don't worry, turns out it has nothing to do with Sid Vicious in the sauna as I feared at first; think instead of a marriage between Victorian elegance and modern technology, with whimsy and social equity thrown in. You don't have to dress up, or get 'ye olde English' here, but I was delighted to find that old-fashioned courtesy is definitely in vogue. More than that, the courtesy seems part of a wider sense of excellence, stability, reliability and good humour that every SL community may aspire to but few achieve.
Residents interested in roleplay can use the library resources to get historical detail right, and as a basis for plotlines. Others, interested in building, turn to them for inspiration and ideas, while scholars and amateur enthusiasts can use the combination of reading materials and interactive 3D experience as a tool for thinking about the history, literature and ideas of the period. "The Caledon Library collects 19th-century novels, nonfiction works, and periodicals, along with materials from earlier eras considered important in the 19th century. We also collect research materials concerning the world of the 19th century and its imagination. The books provide our patrons with resources that are high in quality in point of view of completeness, accuracy (or verifiability), and a scholarly approach, as well as accessibility and ease of navigation," he revealed. "Patrons can read the texts offworld, but a surprising number choose to sit down inside SL, often in one of our gardens or reading rooms." If you're wondering what a page would look like, check out this image courtesy of Mr. Drinkwater:
The Caledon Library Book Server 2.6 by ZenMondo Wormser and many other tools found here are free and modifiable; patrons are encouraged take them, play with them and find innovative ways to turn them into new tools. A philosophy of enlightened philanthropy that borrows all the best bits of the Victorian age. Mr. Drinkwater mentioned CoyoteAngel Dimsum, whose generous donations of land, time and talent have made the Library what it is today, as a sterling example of this way of life.

Much like a good university, each library in Caledon touches on a different area of research and contains both primary and secondary sources. (Notecards with all the library landmarks and reading rooms are available at the Caledon Welcome Center and elsewhere). The Marie Curie branch, for example, contains books about Science, Technology, Poetry, and the precursor literatures of the Steampunk genre. At Tinyville, you will find children's books and materials that show the heroic nature of children in Victorian literature - adding interesting literary and historical perspective to the 'child avatar' issue. Well, obviously, I could go on and on, point you to the library's website, their youtube channel, and other blogs and information about Caledon, and tell you about their anthem, (you can see it on the wall in the photo below). I could invite you to click here to hear an interview with 'the Guvnah' of Caledon, Desmond Shang, or recount how I walked the railway line clear across the sim, encountering all manner of wonderous architecture, but that will be for another time.
"It was, I tell you, an enchanted garden, I know. And the size? Oh, It stretched far and wide..."
H.G. Wells, The Door in the Wall
Non resta che meravigliarsi. Tornerà? Forse fu trasportato nel passato ed è finito tra i sanguinari selvaggi pelosi dell’Epoca delle Pietre Rozze... Forse è andato avanti, ad una delle ere più vicine, dove gli uomini sono ancora uomini, ma dove gli enigmi dei nostri tempi sono stati sciolti e le sue questioni tediose hanno trovato risposta? Verso l’età virile della razza... Egli, ne sono convinto, vide nell’accumulo crescente della civiltà un mucchio assurdo destinato inevitabilmente a ricadere ed a distruggere i suoi fautori alla fine. Se è vero, sta a noi vivere come se non fosse così... Ed io ho accanto a me, per consolarmi, due fiori bianchi strani - avvizziti ora, e marroni e piatti e fragili - testimoni del fatto che, anche quando erano venute meno la mente e la forza, la gratitudine ed una tenerezza reciproca continuarono a vivere nel cuore dell’uomo.
- La macchina del tempo, H.G.Wells
Certo che i vittoriani sapevano viaggiare con stile. Viaggi romanzeschi, fantasiosi. Viaggi veri in luoghi così esotici da sembrare irreali, viaggi attraverso una realtà virtuale fatta di carta e penna. Che bello scoprire, nello Stato Indipendente di Caledon, un posto dedicato all "Arte dell'andare" alla biblioteca di Wells. Dedicato a H. G. Wells, noto scrittore de L'uomo invisibile, L'isola del dottor Moreau, La guerra dei mondi e La macchina del tempo. Mio racconto preferito è La porta nel muro. E se hai appena cliccato su quel link, la biblioteca di Caledon è posto per te.

La biblioteca Wellsian è solo una delle undici curate dal direttore Sig. JJ Drinkwater (foto in alto). Impegnatissimo - consulta con i vari gruppi letterari di SL, organizza le collezioni e testi elettonici aggiornati, soprintende nuovi edifici e attrezzi - ha trovato tempo per dimostrarmi come funziona una biblioteca in Second Life. Mi ha chiamato Miss Ember, nessuno me l'ha mai detto prima - mi piace! I tesori della biblioteca sono tanti, ti segnalo solo due, un baule cliccabile regala non solo un bel pezzo d'antiquariato ma anche le opere di H.G. Wells. Qui troverai anche le opere di Poe in cinque volumi rilegati in vera pelle - OK vera pelle no, ma sono regali che abbelliscono sia la casa che la fantasia. Sui scaffali della biblioteca Wellsian troverai libri disponibili e molto letti durante il regno della regina Vittoria. Tra i quali Charles Dickens, il diarista James Boswell, e Daniel Defoe. Quest'ultimo, famoso per il suo Robinson Crusoe, scrisse anche un libro sui viaggi fatti intorno all'inghilterra fornendoci quadri preziosi della vita quotidiana brittanica nel periodo attorno alla rivoluzione industriale. E se non leggi l'inglese, puoi sempre fare un salto sulla macchina del tempo come ho fatto io! Il Sig. Drinkwater non è solo collezionista, è anche lettore appassionato e mi ha segnalato un bel racconto di Dickens: "La nostra stazione termale francese" un ritratto intimo d'un paesino francese dal punto di vista d'un turista inglese del '900. Chi legge questi libri? Residenti della trentina di sim che fanno parte dello stato indipendente Caledon, e la migliaia di aderenti al gruppo Caledon Library. Sono in gran parte appassionati di Steampunk. A prima vista questo nome fa pensare a Sid Vicious nella sauna - immagine orribile - e infatti non c'entra niente, Steampunk praticamente è l'unione tra l'eleganza vittoriana e la fantascienza, dalle idee del novecento fino alla tecnologia di oggi e domani. A Caledon non è d'obbligo portare i vestiti d'epoca o addottare le frasi un po' barocche del passato. Ma su una cosa insistono, le buone maniere. Dalla loro gentilezza nasce un'ambiente colorato da un armonioso spirito di communità, di generoso volontariato, di progetti duraturi fatti insieme con premura e talento, soprattutto di buon umore.
Le risorse della biblioteca sono utili ai residenti che giocano di ruolo e desiderano perfezionare il loro personaggio o la trama che stanno seguendo. I libri sono stati scelti con cura, con l'enfasi sull'accesso facilitato e piacevole. Vogliono farci leggere! Si tratta di fonti primari come romanzi, diari, giornali, saggi del periodo, ma anche fonti secondari affidabili, libri di storia ad esempio. Tutto ciò illumina anche le creazioni di chi costruisce. Academici storici e amatori del periodo trovano utile mescolare i testi con l'esperienza di 'vivere' il '900 virtuale per poter approfondire la loro conoscenza del carattere, le idee, la letteratura dell'epoca. Naturalmente si possono leggere questi libri online senza ricorrere a Second Life, ma il Sig. Drinkwater mi disse non è di rado che incontri in biblioteca qualcuno ranicchiato in una comoda poltrona, leggendo un bel romanzo... darti un'idea di come sono questi libri, sopra troverai una foto di un libro di Poe.
Gli script utilizzati qui sono gratuiti copiabili e modificabili. "Vogliamo che i clienti della biblioteca, e tutti i residenti, si servono di questi utensili, li porti via e ci giocano, magari trovando applicazioni nuove," disse Drinkwater. Questo spirito illuminista ricorda tutti gli aspetti più belli di un'epoca rimpianta. Molti residenti si prodigano per il benessere del gruppo, dando del loro tempo, Linden e creatività, la brava CoyoteAngel Dimsum è un fulgido esempio di questo modo di vivere il metaverso. Come una grande università, la biblioteca di Caledon è divisa in reparti. Puoi trovare un elenco completo al Caledon Welcome Center e altrove. Alla biblioteca Wellsian, come abbiamo detto, libri sui viaggi veri e immaginati del '900. Alla Marie Curie libri sulla scienza la tecnologia la poesia e testi nei generi precursori del steampunk. Alla biblioteca di Tinyville troverai libri per bambini, e anche letteratura sulla natura eroica del fanciullo nei romanzi vittoriani, riflessioni utili considerato come è scottante in questo periodo la questione dei avatar-bambini in SL.

Come avrai capito qui c'è tanto, troppo da raccontarti. Potrei segnalarti il sito web della biblioteca, il loro canale youtube i molti blog anche in italiano disponibili, potrei invitarti ad ascoltare un'intervista in inglese con il 'Governatore' di Caledon Desmond Shang o potrei raccontarti del mio vagabondaggio attraverso il sim seguendo la ferrovia, incontrando per puro caso un paesaggio bellissimo e architettura meravigliosa... ma non credere a me. Ci devi andare e scoprirlo di persona.
"Dico, era un giardino incantato. Ne sono certo. E le sue misure? O, si estendeva in ogni direzione."
- La porta nel muro, H.G. Well

Tuesday, June 17, 2008

Dark Beauty: Michelle and Millay

COLUMBINE: Pierrot, you work too hard.You need a rest.
Come on out into the garden, And sing me something sad.
- Aria da capo, Edna St. Vincent Millay

You see, this is why I like Second Life ®. I'm minding my own business and along comes Edna St. Vincent Millay. Sounds like an extravagant avatar's name, but no. American lyric poet, playwright, feminist, political activist, 'Vincent' as she preferred to be called lived in Greenwich Village in the golden age of NY jazz, in Paris in the thirties, and later with her husband on a farm in upstate New York where she is buried. The farmhouse is currently being developed into a Millay literary museum in RL *hint hint*. At age 20, her first poem of note, Renascence, came fourth in a prestigious poetry contest, likely for sexist reasons; the ensuing scandal (both third and first prize winners declared her work the best in the competition) propelled her to fame. She went on to be the first woman to win a Pulitzer Prize (1923). With her lover George Dillon, fourteen years her junior, and to whom many of her lyric poems are dedicated, she translated Baudelaire's Les Fleurs du Mal. So what in-world has this got to do with anything? Simply, Michelle Babii has a new exhibition on over in the Kusawa Annex of Strong Visions Gallery that you cannot miss. In 'Beauty Lain Bare' Babii intersects her artwork with selected lines of Millay's poetry. If, like me, you're new to Millay, it will be a voyage of discovery, if a long-time fan it's a chance to revisit the deeply passionate lyrical verses in the context of Michelle's stunning photography. The artwork is huge, as you can see. "I think because so many of the images seemed so dark that the detail would be lost if the images weren't large," Michelle told me when we met. "Dark, meaning it was difficult to bring out the detail, but also dark as in a feeling: that was what I definitely wanted to convey." The vast canvases speak directly to the often introspective lines associated with each; sentiments at once small yet universal in size, stark but richly shaded in meaning.


The pictures were taken over at sim Silent. Michelle, who, with partner Mark Athens, owns the Manzanillo Artist Enclave, came to SL looking for an E-commerce college class; she got into photography by visiting various sims with the photography/travel group Destinations Unknown (now sadly no longer active). Has becoming an established virtual photographer changed how she reacts to art in the real world? "Now I see RL photography differently. When I have the digital camera out I think about it more, although I don't set about taking pictures in RL like I do here. In more general terms, I love art. I go to festivals, galleries, I have dabbled in drawing, mehndi, jewelry making, etc., so expression in a creative sense is a part of my life RL. " (Mehndi, turns out, is the proper name for henna tattoos.)

The exhibition continues for some weeks, do explore it for for yourself: it proves once again that Second Life contains an infinite amount of beauty lain bare.

Thanks to Robsub Tuck, snaper Strong and Cristobal Fargis of Strong Visions for their help.

COLOMBINA: Pierrot, lavorate troppo, avete bisogno di riposo.
Venite in giardino, e cantatemi qualcosa di triste.
- Aria da capo, Edna St. Vincent Millay

Vedi, per questo mi piace tantissimo Second Life®. Andavo per i fatti miei e incontro Edna St. Vincent Millay. Suona come il nome stravagante d'avatar. Si tratta invece d'una poetessa lirica, drammaturga, feminista e attivista politica statunitense degli anni venti. Clicca qui per il sito in inglese a lei dedicato. Le amiche le chiamò Vincent, frequentava gli ambienti scapigliati di Greenwich Village durante l'epoca d'oro di jazz, trascorse alcuni anni a Parigi, visse col marito in una fattoria newyorkese e lì è sepolta; la casa è in fase di ristrutturazione come parco letterario in RL. Ancora ventenne, ottenne notorietà per la sua poesia Renascence: la poesia sucitò scandalo quando le fu negata il primo posto in un concorso letterario perché scritta da una donna; il vincitore stesso denunciò l'ingiustizia. Più tardi, Millay fu la prima donna premiata con il Pulitzer (1923). Con l'amante George Dillon minore di lei di 14 anni e a cui sono dedicate molte delle sue più belle poesie (come questa tradotta in italiano) tradusse in inglese Les fleurs du mal di Baudelaire.

Perché vi dico tutto questo? Michelle Babii ha una nuova mostra 'Beauty lain Bare' (bellezza messa a nudo) alla galleria Strong Visions (Kusawa Annex). Abbina fotografie con le parole di Millay. E' da non perdere. Accanto alle sue opere Babii presenta versi che fanno riflettere sull'amore, sul dolore di perdita e certezza, sull'identità e gli spazi interni dove ospitiamo amanti e speranze e sconfitte. "Le tele grandi permettono di osservare i dettagli più piccoli nelle foto anche quelle più oscure," disse Michelle, "Sono oscure non solo nel senso della mancanza di luce, ma oscurità anche come sensazione, volevo che parlassero di questo." Le tele sono enormi come vedi, mettendo in risalto la sensazione del piccolo universale che si trova nei brani, mentre il chiaroscuro delle foto accenna alle sfumature di malinconia e passione nelle parole di Millay.
Le immagini sono state scattate al sim Silent. insieme al partner Mark Athens, Michelle è owner di Manzanillo Artist Enclave. Arrivò in SL cercando un corso online in E-commerce, cominciò a fotografare grazie al gruppo Destinations Unknown, che purtroppo non esiste più, ma all'epoca proponeva foto-viaggi intorno al metaverso. Le chiese se la sua esperienza da fotografa virtuale avesse cambiata come vive l'arte in real. "Vedo la fotografia con occhi nuovi. Con in mano la macchina fotografica digitale, ci rifletto su come plasmare l'immagine, anche se non faccio le foto real con lo stesso impegno che dedico a quelle virtuali. Amo l'arte in generale. Frequento festival, mostre, in passato ho creato bigiotteria, mi piace disegnare, fare tatuaggi con henné: per me la creatività fa parte della mia vita sia real che virtuale."
La mostra sarà al Kusawa ancora per qualche settimana, ti invito di andarci presto: dimostra ancora una volta che per 'bellezza messa a nudo', SL non ha paragone. Grazie a Robsub Tuck, snaper Strong e Cristobal Fargis di Strong Visions per il loro intervento.

Saturday, June 14, 2008

Harriet Gausman's Milk Wood

In the sun that is young once only,
Time let me play and be
Golden in the mercy of his means
Fern Hill - Dylan Thomas

Harriet Gausman is a special person, one can't help but feel at first acquaintance, and her meeting place Milk Wood in Scotland Plarmigan with its simple woodland design only confirms your impression that this is a smart and gentle person who means to make SL better for all of us.

Harriet has Chronic Fatigue Syndrome, she came to SL about a year ago on a suggestion from her husband. From the moment she stepped in, she was hooked, and began immediately looking for ways to get together with other writers and readers. Five months ago she set up the Guild of UK Writers. Many inworld literary groups are based around US time zones, and Harriet wanted to provide a place where people on European time could get together, write, get published, network and generally socialize around a literary theme. The group now has 600 members, among them published authors, real life literary agents, editors, and publishers, and the 'general public' who just love a good read and some fun, like you and me.

The group holds a weekly poetry and prose event. Poetry is 'very big' inworld, and is also having something of a revival in the real world. Harriet was at a loss to explain it, but she enjoys seeing the nice group that gathers to hear poetry at Milk Wood on Tuesdays. There's more though: a couple of trivia nights - aka pub quizzes - and as if that weren't enough, two guest readers come by each week to read from their novels. Plans are underway to start a group for children's writers, so anyone interested should contact Harri about that.

Never one to stay still, she has just bought a nearby island, and is in the process of developing the new space which includes a corner dedicated to the Welsh poet and playwright, Dylan Thomas: the meeting place is named after his most famous play, Under Milk Wood. Although the area will include some interpretative material on his life and times, Harriet has chosen a beautiful route to express Thomas by designing the area to echo one of his great poems, Fern Hill, a truly evocative, lyrical piece. TP over to the poet's corner right now, click on the book by the old barn, and you can hear the actual voice of Thomas reading Fern Hill in a recording from the 1960's. His voice is as unexpected as the poem is beautiful.

Along with the upcoming childrens' authors group, Harriet hopes to branch out into podcasting. "Our members are an incredibly talented and diverse bunch. I think if we can bring more people to their door, we are doing all a great service and people will revere me and remember me long after I am dead...only kidding, of course."

Oh no, Harriet, hee hee, remember: Do not go gentle into that good night... you've got too much work to do!!
Nel sole che è solo una volta giovane,

il tempo mi faceva giocare ed essere

d’oro nella grazia dei suoi mezzi

Dylan Thomas, Il colle delle felci,

Traduzione Andrea Sirotti.

Harriet Gausman è una persona molto speciale un giudizio che trova conferma visitando il suo bellissimo luogo letterario immerso nel bosco a Milk Wood a Scotland Plarmigan. Comprenderai subito che si tratta di una persona gentile e intelligente che vuole fare del metaverso un posto migliore per tutti noi.

Harriet soffre di Sindrome d'Affaticamento Cronico. Dietro un suggerimento del suo marito si è tuffata in Second Life circa un'anno fa, dalla prima esperienza ne era incantata, e d'allora cerca modi per facilitare il contatto tra scrittori lettori. Ha fondato cinque mesi fa il gruppo Guild of UK Writers. I gruppi letterari di lingua inglese tendono a seguire gli orari statunitensi, e Harriet voleva creare un punto d'incontro con orari europei per chi scrive, chi vuole farsi pubblicare, per chi vuole conoscere persone nuove in un ambiente letterario. Il gruppo ora vanta 600 membri, tra i quali autori di noto, agenti letterari in real, curatori, editori, e il 'pubblico' - chi ama leggere e divertirsi, come io e te.
Il gruppo tiene una serata settimanale di poesia e prosa. La poesia è molto in voga nel metaverso come peraltro nel mondo real; Harriet non sa spiegare il fenomeno ma le fa molto piacere vedere come è ben frequentato l'incontro di martedì sera a Milk Wood. Ci sono altre serate, due volte la settimana si tengono quiz, e in più ci sono due romanzieri che leggono a puntate i loro libri. C'è in programma di formare un gruppo di scrittori di libri destinati ai bambini, chiunque fosse interessato può rivolgersi direttamente a Harriet.
Sempre al lavoro, lei ha appena acquisito una nuova isola nella zona e la sta sistemando, avrà un angolo dedicato a Dylan Thomas, drammaturgo e poeta gallese. Il parco prende nome dalla sua commedia Under Milk Wood (Sotto il bosco di latte). Ci saranno delle informazioni sulla vita e i tempi di Thomas, ma Harriet ha scelto di rappresentarlo tramite uno delle più belle poesie liriche Il colle delle felci sopra citato. Se vai all'angolo del poeta, troverai un libro. Se lo clicchi potrai sentire il poeta stesso recitando la poesia in una registrazione che risale agli anni '60. La voce è sorprendente quanto la poesia è bella.
Oltre al gruppo per gli scrittori di libri per bambini, Harriet vorrebbe cominciare ad offrire podcasting per il gruppo. "Nel nostro gruppo ci sono molte persone dotate di grande talento. Voglio aprire le porte al mondo a loro. E se faccio questo servizio all'umanità, mi loderanno e si ricorderanno di me quando sarò morta.." disse teatralmente con sorriso.
Dai Harriet, ricordati le parole del grande Thomas: Non entrare con dolcezza in quella notte buona... ehehe hai ancora troppo da fare!

Wednesday, June 11, 2008

Chillin' with Wolfie

Hot here today, so I TP'd over tothe lovely mountain sim of Salzburg, to get some coolin' in. It's the birthplace of Wolfgang Amedeus Mozart, and a fine statue to the world's greatest composer stands in the main square, which doubles as an out-door ballroom. I recommend the waltz.
When you're done dancing, make sure you go and see the Mozart Birthplace Museum round the corner. Nestled in among the many interesting shops and Euro 08 soccer gear, you'll find this perfect example of what we mean when we talk about 'art parks'.

Nothing flashy or prim heavy, just a small piece in the cultural mosaic of Second Life.
The museum was built by Ice Stawberry. It consists of two rooms, downstairs there's some info on the musician's life, and a couple of portaits... plus the intriguing offer of a Mozart costume, which I didn't pick up - but only because I didn't think it would go with my Dame Edna glasses which, as you can see, I was wearing for a bet.
Moving on from the museum I checked out the variety of stores, the Hotel and the ski lift, before coming to the fabulous Cathedral, or Dom, as they say in Austria. Here I ran into a guy called ... Dom. What were the chances, huh.
Last but not least, connect with your inner Amadeus when you climb up to the fortress (oh OK then just TP if you must) and check out the lovely valley view, one Mozart might even recognize, heck you never know.
Turn on your audio. The hills are alive with the sound of music.

Fa caldo qui oggi, e, alla ricerca di un po' d'aria di montagna, ho teleportato al sim di Salzburgo: è la città natale del grande musicista Wolfgang Amedeus Mozart. Qui troverai una bella statua a lui dedicato nella piazza principale, che funge anche da pista da ballo all'aria aperta.
Ti consiglio il valzer.
Finito di ballare, potresti andare a vedere la
casa natale di Mozart un esempio perfetto di cosa può essere un parco d'arte. Nel cuore della zona commerciale, circondata dai negozi e le offerte legati al Euro '08, il museo non porta via molti metri quadrati o molti prim, ma offre un'importante tessera nel mosaico culturale di Second Life.
Il museo è stato fatto da Ice Stawberry ed è composto da due stanze, al piano terra ci sono delle informazioni sulla vita del maestro, alcuni ritratti, con in più l'offerta allettante di un costume mozartiano. Io non ho approffitato, pensavo non abbinasse con gli occhiali da dame Edna che come vedi portavo per vincere una scommessa.
Dal museo sono passata per i negozi, l'albergo e la sciovia per poi arrivare nella piazza del
duomo o Dom come dicono in Austria. Qui ho incontrato un ragazzo del nome ... Dom. Pensa te.
E infine, cerca il tuo Amadeus interiore e sali su fino al
castello (e va bene, prendi il TP se proprio devi). Ti premierà una panorama stupenda che forse anche Mozart avrebbe riconosciuto, non si sa mai. Accendi l'audio, dai, tutti insieme appassionatamente...e le colline vivono del suono della musica...

Wednesday, June 4, 2008

Love and Landmarks...

Oops... just too much loving, I guess... the lovely volando Amat kindly pointed out my links to the Catullus park in Porto Cervo were broken... fixed them now. She also told me about a fantastic concert for this Thursday at Porto Cervo's El Quatre Gats tavern. Vocalist Carmen Roeth will be performing live from 1 pm SLT (or 22.00 Italian time, much more romantic). Don't miss it! Lots of writerly activities also going on with the Tebaldi's launching their virtual publishing house, all in the same location. See you there...

Oops... chiedo scusa... la gentilissima volando Amat mi ha fatto notare che il LM per il parco Catullo a Porto Cervo non funzionava... ora sì, però... volando mi ha segnalato che domani giovedì alla taverna El Quatre Gats sempre a Porto Cervo ci sarà un concerto di Carmen Roeth. Comincia alle ore 1pm SLT ( o meglio alle 22.00 ora italiana). Assolutamente da non mancare! Ci sono anche novità alla casa editrice virtuale dei Tebaldi, potete informarvi alla taverna... ci vediamo lì....

Sunday, June 1, 2008

Latin for Lovers

Kiss me quick! the latest ArtsPark, a park for Catullus is up and running, and you and your squeeze should run over there and check it out. The park celebrates Gaius Valerius Catullus, patrician, part-time politician, poet and sometime pal of Julius Caesar. His tempestuous love affairs with Lesbia and Juventius produced poems that radiate the passion, the anguish, the contradictions and the joy of romance.
The build was by Max72mi Aabye co-founder, together w
ith Giuditta Broome, of the ArtsParks group.It took a couple of weeks to gather the material and interpret it into an idea of Catullus' lakeside villa at Sirmione, Italy.
The Porto Cervo sim with its beautiful waterfront makes a perfect backdrop for a little taste of Catullus' life and works, illustrated through mosaics, frescoes and poems. For your enjoyment here are English and Italian translations alongside the original Latin, a melting-pot of verse. "I love the idea of having the whole world around a table, eating together and talking, united by the same passion, and the same desire to work well together." Max72mi Aabye told me. "SL offers a unique way to make that happen." The owners of Porto Cervo agree. volando Amat told me she jumped at the chance to have a literary park on their sim. "For us it was an honor to host a park. When I came to Second Life, I felt quite alone. It can often feel like a sort of cultural desert. We want to offer residents a variety of interesting themes, and we were delighted to add a literary park to our other attractions."
While you're in Porto Cervo, con't miss their version of Picasso's hangout, El Quatre Gats tavern, now home to events like the launch of Ludovico Tebaldi's latest inworld novel. Also look out for Ipazia Cortez's latest exhibition which combines
art and humanitarian causes beautifully.
Go on, show the love. Take your sweetheart to see the
Catullus park. You'll be sure to get basia mille!
NB: Don't forget to vote for your favorite Russian author here in the left sidebar...

Il nuovo parco letterario ArtsParks è stato completato... ed è un posto anche molto romantico, ideale per una piccola gita virtuale in due. il parco celebra Gaio Valerio Catullo, aristocratico, politico, poeta e amico di Giulio Cesare. Dalle sue tempestuose storie d'amore con Lesbia e Giuventio naquero poesie piene di passione, angoscia, contraddizioni e la gioia dell'amore.
Il
parco Catullo a Porto Cervo à stato costruito da Max72mi Aabye cofondatore insieme a Giuditta Broome del gruppo ArtsParks. Ci sono voluti un paio di settimane per mettere insieme il materiale e poi interpretarlo dando un'idea della villa a Sirmione.
L'ambientazione del parco Catullo al ridente sim di Porto Cervo SL è molto fortunato: la riviera fa perfetto sfondo per la storia e le opere del Catullo qui fatte vivere tramite un cartelli informative, affreschi e mosaici dell'epoca e naturalmente le poesie, che troverai in versione originale ma anche in traduzione inglese e italiano. "Immagino un mondo ad un tavolo, a mangiare e parlare, essere uniti da una stessa passione e una voglia di lavorare insieme," mi disse Max72mi, "SL ci offre un modo unico per farlo." Gli owners di Porto Cervo SL sono d'accordo. Sindaco volando Amat
mi disse "Siamo onorati ad avere un parco così da noi. Quando sono arrivata in SL andavo un po alla cieca volevo offrire ai residenti un'alternativa al solito disco. SL può sembrare un deserto intellettuale, e la presenza del gruppo ArtsParks mi incorraggia molto. Siamo felici di aggiungere il parco alle altre attività culturali disponibili a Porto Cervo."
Infatti, dopo la tua visita al parco Catullo, non perderti il resto di Porto Cervo, c'è una versione della taverna frequentava da Picasso El Quatre Gats dove si fanno incontri anche letterari : quitroverai qui disponibile il libro nuovo di Ludovico Tebaldi. E da non perdere le esposizioni della bravissima Ipazia Cortez, una fusione di arte e cause umanitariane molto bella e interessante.
Dai, corri a
parco Catullo, insieme a quella persona a te più cara. Riceverai sicuramente basia mille!

Hai votato per il tuo scrittore russo preferito qui sopra a sinistra? Votare oggi! Parchi domani!