Comment Crisis

Sorry! Blogspot makes it almost impossible for real people to comment directly at the end of each post.
Your feedback is welcome via Google+, the SLArtsParks page on Facebook, or tweet #slartsparks or @thirzaember.

Saturday, June 27, 2009

Incontiguity

Sorry, I got distracted by Other Stuff...
Anyway, here's Feathers Boa the very fine and sensitive artist whose work you see all over the metaverse. On Facebook, she posted a note to say she is leaving the Caerleon Sims after being there for two years, not to mention being one of the founding artists over there: such a happy interaction coming to an end. Turns out it's all to do with the new adult continent Zindra. "Read the blogs, it's all over the blogs," she said.
Hmm, there were all kinds of well heeled people whining about tier and protected land and prim counts and I get enough of that sort of talk in RL, however, one can see why Feathers is so frustrated by the changes happening. It seems the new continent will be a sort of 'naughty ghetto' where all the adult-themed builds will be located, and access will be limited to those who have provided age-verification information to LL. As a newbie that kind of thing scared me, but now it's that anyone might think me too young to see rude bits, plus if you've been to Battery Street, or eaten lunch at at Il Fornaio mmm at a table next to a bunch of LL geeks, you'll be aware they're out to evilly control the world, not even the metaworld. Having said that, with the incredible detail of textures and graphics now available in SL, I can see why artists like Feathers are concerned that their photo-realistic expressions of the human form are going to get swept into the Zindra continent, in what amounts to artistic censorship. it would be horrible not see Feathers' lovely handiwork all over SL any more. As for the raw and deeply emotive expressions of some of the toughest moments in her life, like the ones curently on show at the Forbidden Feathers exhibit, well, they'll be worth making the trip to Zindra to see. For now you can TP to her Gallery and see for yourself this genuinely moving material.
Protection and censorship, that's too big and RL for me...
And now for something completely different: Aquila Faulds says that on Tuesday June 30 at 10 pm Italian time (that's 1 pm SLT) they're having a Vishudda at the Virtual Gallery at Merkaba Arts. It involves a choral embrace and new age music. Google chakra on your own dime. Laragrace Rau and Aquila Faulds' art is always worth a view and if you like Italians, and dream dancing also, showing up might be the beginning of something new and exciting.
Another event you might like to be a part of is the poetry competition at Agora Saturnia. It's a joint venture of L'ARME D'AMOUR and Teo Porta's group, Italiani di SL contro la caccia. In light of the Cheyenne Cherry story it seems a particularly good cause to support right now. If you can write in Italian, sign up by getting in touch with Viola Tatham before 10 July 2009. Poems must be original, unpublished, in Italian and no longer than 21 lines and on a theme related to animals and animal welfare, the jury on July 17 will award L4000, L3000, and L2000 to the first second and third placed winners respectively. You can contact Viola or torno Kohime of Agora Saturnia for more details.
Here lastly, is a video of the King Tut exhibit. If you didn't go yet you should hurry over there to King's Rezzable. As a good friend commented when we visited together, it's not good. It's meraviglioso. See the Rezzable website for more.


Un pochino assente in questi giorni lo ammetto, e oggi ho voglia di cominciare con un bel ricordo mio, una visita a King's Rezzable insieme ad una persona a cui tengo molto. Ha definito il build non bello, ma "semplicemente meraviglioso". Ha ragione. Ci sono delle cose nella vita, momenti preziosi, luoghi speciali, cose che perderle vuol dire perdere una parte della nostra ricchezza personale. King Tut ne è una di quelle. Non la trascurare.
Forse avrai sentito parlare del nuovo continente per "contenuto adulto", si chiama Zindra, l'idea sarebbe di creare uno spazio in cui tutti i posti sex e porno sono collocati inseme, un continente sul quale si possono accedere solo i residenti che hanno fatto la verificazione di età. Per me non mi sembrava un grande sacrificio in qualsiasi senso, ma poi ho parlato con la bravissima artista Feathers Boa. Lei considera questi cambiamenti un grave danno ai diritti e alla libertà artistica dei creativi si SL. Io non ci ho capito molto, ma se vuoi, per approfondire ho trovato questo Blog che forse ti interesserà, sinceramente i blog in inglese sull'argomento parlavano di banalità come tier e prim values, noiosissimi dettagli un po' troppo simili ai problemi Real per i miei gusti... Ma il problema è grave: opere d'arte in cui appaia la forma umana nuda saranno a rischio di essere ammucchiate con le strip show squallide di Zindra, una specie di Amsterdam e Las Vegas? La qualità delle textures in SL è oggigiorno a un livello altissimo, saranno puniti gli artisti che usano skin fotorealistiche? E che dire dei fotografi che importano immagini di nudi? Anche loro saranno obbligati a esporre solo in Zindra? Sono questioni inquietanti ancora da risolvere. Per comprendere un po' meglio di che stiamo parlando, vai a vedere la mostra Forbidden Feathers alla sua galleria su sim Esterhal, prima che sparisca 'per sempre'.
Cambiamo argomento... martedi 30/06/09 alle ore 22,00 sei invitato a partecipare alla "Grande serata sul 5° chakra della comunicazione (o Vishuddha). Approfittiamone per riunirci e scambiarci un abbraccio corale. La serata proseguirà con dream dance al dolce suono di musica new age." Si tratta di una serata a Merkaba Arts con Laragrace Rau ed Aquila Faulds Se non sai cosa sia una chakra, clicca qui. Se invece sai cosa sia un abbraccio corale, mandami una nota esplicativa.
Poi da non perdere, un concorso di poesia italiana.
AGORA SATURNIA insieme ai gruppi L'arme d'amour e Italiani di SL contro la caccia (il gruppo fondato da Teo Porta), hanno organizzato "AMICI DI RAZZA" un modo ...poetico di far conoscere e riflettere sull'importanza di un comportamento rispettoso e corretto verso gli animali. Un argomento che mi ha toccato proprio in questi giorni leggendo di una 17enne newyorkese che per dispetto verso un' ex-amica, le ha arrostito vivo il gattino... Cheyenne Cherry si chiama: dice che l'ha fatto per uno scherzo...
Chi desidera partecipare dovrà presentare una poesia nuova e originale in lingua italiana, avente come tema il mondo animale, preferibilmente di protesta contro la caccia ed il maltrattamento dei nostri "amici di razza" al massimo di ventuno righe. Per ulteriori chiarimenti e le regole de concorso puoi contattare torno Kohime di Agora Saturnia. Le opere dovranno essere consegnate a Viola Tatham del Gruppo "L'Arme d'Amour" quando la si vede in linea in SL o in formato World via mail al seguente indirizzo: viola.tathsl@hotmail.it entro il 10 luglio 2009 14. La giuria sceglierà tre finalisti a cui saranno consegnati i seguenti premi: 4000 L$ al primo , 3000 L$ al secondo e 2000 L$ al terzo classificato. Non male. Mettiamoci all'opera subito.

Wednesday, June 17, 2009

Virtual prisoner

[5:28] Hostile Welcome Mat v2.5 - Village Edition : Thirza Ember is declared unmutual!!!
Number 6: Where am I?
Number 2: In the Village.
Number 6: What do you want?
Number 2: Information.
Number 6: Whose side are you on?
Number 2: That would be telling. We want information. Information. Information!
Number 6: You won't get it.
Number 2: By hook or by crook, we will.
Number 6: Who are you?
Number 2: The new Number 2.
Number 6: Who is Number 1?
Number 2: You are Number 6.
Number 6: I am not a number – I am a free man!

Several lifetimes ago, when I lived in Wales, I went on a road trip with some really annoying people. We saw a number of castles and more trees than you could shake a stick at, but after what seemed an eternity we arrived at a small village I had never heard of before, called Portmeirion.
I fell in love. Not just with the fact I could get out of the car and stretch my legs and actually hear something that wasn't the other lady in the party describing lady-problems that none of us wanted to know about, I was entranced by the valley, the view of the sea, the Irish sea, and the lovely houses, the narrow streets, like a theme park but without the rides or the children throwing up. Eventually, having escaped my captors, I found myself close to the little harbour and a small house marked "The Prisoner. If you don't know about the TV show from the 1960's please do not enter. This area is for fans only. "
A secret agent attempts to leave behind him a life of lies, danger and espionage, and finds himself imprisoned in a surreal village where all around him is a sinister and surreal masquerade and... well, let me shut up. Here's a video to give you the idea. The show has a mystical poetry of its own, here's Patrick McGoohan, the star, creator and director, sort of explaining it in 1977. The idea of a pretend village hosting a TV show, and both surviving the ravages of time, this I liked, and how nice to find a thriving celebration of both, here in our ever changing metaverse.
The big screen remake of the show comes out soon, Ian McKellen is in it, here is a trailer.
The Village or Portmeirion, however you choose to call it, has lots to see and to do, there are competitions going on all the time: treasure hunts, shooting competitions, and more all marked on the Google calendar in the square. At the Town Hall Theatre, experience regular reading events by Huckleberry Hax, Gracee Andel, and Catty herself. You can visit the Palace of Fun, the shops on Chantry Row, Trinity Marketplace, the Hotel and the Dock, where you'll find chess, backgammon, and a pennyfarthing tour of the island, get your mind bent in the Castle Hospital or indulge in some trivia, free paintball, or karaoke at the Cat and Mouse next door.
RL Portmeirion is famous for its floral pottery, and SL Portmeirion has some lovely little stores dotted around the place too - don't miss them.
I asked Catty Erde why she'd chosen this theme.

Catty Erde: The Prisoner is a gift in terms of SL. The show centres around an international community, and I felt this was a good thing to explore in SL - and so far a lot of people agree, we have two groups, I am not a Number and Unmutual - with more than a thousand members in places like China, Japan, India, Saudi Arabia, as well as most European countries. I wanted to put together something that encompassed community development, arts, discussion, and contests, and 'The Village' from The Prisoner is ideal for that. The show used a lot of gadgets which were advanced for the time, and now are not so hard to script in lsl, so that makes it fun. It's the first sim I have built. We opened version one of The Village on July 31st last year on 3 openspace and moved here in November, and this is the second revision.
I wondered what Catty has planned for the future - turns out to be plenty.
Catty Erde: The Theatre is still in the early stages. We have poetry, story readings and debating events at the moment - again we would like to build on this, but Voice events are hard to get going in SL, as a lot of people love to chat but not to speak! We plan to build on this element as the sim develops. We also have a sim stream of voices from the group which will be put up at the Palace of Fun soon, and probably also stream from the Website too. I would like to build the new village with more features when the new series comes out, and we are still working on the game which will be central to the sim, and we hope to open this in the next three months.
Sounds like a good place to visit, an even better place to stay... hmm, now I just need to find me a nice Patrick McGoohan lookalike. Hmmm... how hard could that be?
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Numero 6: Dove sono?
Numero 2: Nel Villaggio.
Numero 6: Che cosa volete?
Numero 2: Informazioni.
Numero 6: Da che parte state?
Numero 2: Non posso dirlo. Vogliamo informazioni. Informazioni. Informazioni.
Numero 6: Non le avrete!
Numero 2: Con le buone o con le cattive, le avremo!
Numero 6: Chi è lei?
Numero 2: Sono il nuovo Numero 2.
Numero 6: Chi è il Numero 1?
Numero 2: Lei è il Numero 6.
Numero 6: Io non sono un numero! Sono un uomo libero!

Circa dieci anni fa, ho passato un anno in Galles, esattamente a Carmarthen, anzi esattamente a Rhydargaeau un paesino appena fuori città. Durante quell'epoca, ho fatto una gita con delle persone noiosissime a Portmeirion. Non sapevo cosa c'era da vedere a Portmeirion, e nemmeno quanto fossero noiosi i miei compagni di viaggio (è bastata una mezz'orretta, invece, per colmare questa lacuna) ma io ero stanca della vita in campagna e volevo vedere qualcosa di diverso, di nuovo, e se possibile, di interesse culturale. Portmeirion, 'Il villaggio', nella zona montagnosa di Snowdonia, quando infine ci siamo giunti, mi ha dato tutto questo.
Si tratta si un villaggio quasi immaginario, nel senso che è nato durante gli anni '20 del secolo scorso, non come abitazione ma come poesia dell'architettura. Il proprietario dei boschi e poderi di questa zona, Sir Clough Williams-Ellis (sapevi che gran parte degli brittanici che portano il cognome doppio sono di origine gallese?) fu un'appassionato viaggiatore in Europa, e ha fatto costruire un villaggio ideale stile mediterraneo. Gli edifici furono costruiti in fretta e senza badare molto ai regolamenti per abitazioni vere (molti sono fatti di stucco e rete mettallica, quello che si usa per le galline) e per un periodo erano in forte rischio di sgretolarsi e sparire sotto le interminabili piogge gallesi. Durante gli anni '70 il 'rinascimento del patrimonio architettonico inglese' anche la cittadina di Portmeirion - come tanti altri gioielli brittanici - ha finalmente ricevuto l'attenzione e i fondi necessari per mantenerla come si deve. (Beata lei...) Oggi, le costruzioni sono tutelate con molta cura, e meno male, sono case e templi colorati e graziosissimi, collocati in modo pittoresco, con viuzze e cortiletti, e un lungomare che sembra più Garda che Mar d'Irlanda.
Il viaggio da Carmarthen è durato tre ore - sembravano otto - e appena arrivata, io sono fuggita, con la scusa di volermi sgranchire un po' le gambe e vedere il mare. Quanto mi piace il mare. Il posto mi ricordava quelle casette che vedi al lunapark solo che erano più graziose e non c'erano né fila, né giostre chiassose, né il vomito dei bambini per terra. A un certo punto ho adocchiato una piccola casa, anzi più un negozietto che una casa. Nella vetrina c'era un cartello "The Prisoner. Se non conoscete e non siete fans del programma televisivo, siete pregati di non entrare."

Io il telefilm inglese degli anni '60 trasmesso in Italia negli anni '70 e '80 confesso di non averlo seguito molto da vicino, sarebbe la storia alquanto ambigua e misteriosa di un agente segreto che, avendo tentato un ritiro dalla sua vita di bugie e false apparenze, si trova prigioniero in un villaggio bello e surreale... Youtube forse ti darà un senso più ampio del programma, e se vuoi approfondire in italiano, basta cliccare qui. Ti ho anche trovato l'anteprima del nuovo film "The Prisoner" un remake della serie TV.... sono proprio buona con te, vedi. E te che non mi saluti mai e nemmeno mi clicchi la pubblicità...
Portmeirion e Il prigioniero sono stati portati in SL dalla bravissima Catty Erde, signora orgogliosamente scozzese, con poca pazienza con "idioti perditempo e chi crede SL sia solo un gioco"; sempre secondo il profilo, è amichevole "se non va contrariata". Io l'ho trovata molto gentile, segno che forse lei gli idioti non li sa riconoscere subito. Le ho chiesto come e perché Il Prigioniero in SL.

Catty Erde: Mi trovo in SL da 3 anni ormai, e Il Villaggio è la mia esperienza da builder. L'ho iniziato l'anno scorso, l'abbiamo aperto su una land opensim l'estate scorso, e ci siamo trasferiti qui a novembre - questa è la seconda versione del villaggio, ho già in mente una terza versione, ma non so quando la realizzerò. Per ora stiamo lavorando molto sul gioco di ruolo e altre attività. Si tratta di una serie televisiva di fantascienza, e c'erano molti macchinari e elementi strani irrealizzabili in RL all'epoca (e in alcuni casi, tutt'ora) che però in SL sono abbastanza facile a scriptare, specialmente ora che lsl ha semplificato lo scripting. E elementi belli a bizzarri come il pallone gigante, e le biciclette Pennyfarthing... e nella serie TV, non pioveva mai, proprio come in SL. Il programma Il prigioniero è perfetto per SLanche perché, nelle vicende della serie TV - volutamente velate in mistero - apparivano persone di ogni nazione, non era mai chiaro in quale parte del mondo si trovava questa strana e graziosa prigione, e questo sapore internazionale lo troviamo rispecchiato nei gruppi: contiamo oltre 1000 membri in Europa, Cina, Arabia Saudita e altrove. I gruppi sono The Village, per gli eventi culturali, e Unmutual, per coloro che vogliono partecipare nel gioco di ruolo. Ulteriori informazioni sono sul nostro sito web.

Al Town Hall Teatro, potrai sentire letture in voice di Huckleberry Hax, Gracee Andel, e la stessa Catty. C'è la Palace of Fun, negozi a Chantry Row, e Trinity Marketplace. All' Hotel puoi giocare a scacchi, backgammon, o fare un giro dell'isola in bicicletta. L'opedale nel castello è dove si va per farsi il lavaggio del cervello... ma al suo fianco, toverai alcune simpatche attività tipicamente brittaniche come concorsi di 'trivia' (= domande sulla cultura popolare), karaoke, e combattimento con paintball gratuito al locale Cat and Mouse.

Monday, June 8, 2009

La follia del verso

Non cercate di prendere i poeti perché vi scapperanno tra le dita.
Alda Merini
There are very few serious literary groups among the Italian denizens of our fair metaverse, certainly nothing on the scale or wonder of Inksters, Bookstacks, the Guild, or our friends at Caledon. But not all is lost for italophiles. .. the rest of the post is in that language. Alda Merini is a force of nature and one of Italy's most important living poets. Here's a little taste of her in translation, and see you back here for a full post in English very shortly. BTW The group mentioned below, L'Arme d'amour has French and English sections, too... kisssss Second Life è la poesia dell'altro, della metamorfosi, dello scioglimento delle catene comportamentali, quei limiti che ci imponiamo di ceto sociale, età, sesso e ubicazione. la paura di dire e di fare che ci blocca nella vita di tutti i giorni si attenua aprendo - se vogliamo - a ciascuno di noi nuove possibilità di esprimerci, di conoscere, di influenzare e plasmare il mondo. Così vede SL il poeta Ramon123 Babenco, in RL Paolo, frequentatore solitario, come dice lui, di piccoli lembi di land sperdute, amante di tutto ciò che si trova nel metaverso:

La poesia diventa ancora più ricca di lati nuovi scoperti nelle persone e di nuove sensazioni più penetranti. Il computer e quindi l’avatar altro non sono che un mezzo per poter esternare noi stessi, come usiamo una penna per scrivere,ecco che usiamo un avatar per esprimere in modo ancora più ampio la nostra anima. Sono mondi distanti?? Non credo ! Una penna può essere stilografica ad inchiostro , di plastica oppure d’oro, ma è sempre una penna usata per scrivere, ed il nostro avatar sarà sempre il desiderio di esprimersi e di dare una parte di noi forse trascurata. La poesia in SL è più penetrante e si lascia trasportare da questi lati oscuri che diventano lucenti.

Ma SL è anche gruppi che si formano per facilitare altri modi di creare, e di stare insieme con altri amanti della bella parola, gruppi come Inksters, SLiterary, Bookstacks e il Guild of UK Writers, formati per promuovere la letteratura in SL, sia componimenti originali che la lettura condivisa dei classici, gruppi che tendono ad aiutare scrittori aspiranti a realizzare i loro sogni, o a regalare serate di poesia in buona compagnia, e molto di più. Mi chiedevo se nella parte italiana del metaverso esistevano gruppi che propongono simili aiuti e divertimento ai residenti... e ho trovato il gruppo L'Arme d'Amour.
Bhe non è vero che l'ho trovato. Amica di ArtsParks Lora Lowenstark mi ha invitato ad accompagnarla ad una serata a Saturnia per ricordare le poesie e la vita tormentata di Alda Merini. Era presente una degli owners di Saturnia torno Kohime, bravissima artista, ne parleremo di più in un'altra occasione. Mi piacciono molto i suoi orrecchini turchesi! (Quelli di torno, non della Merini.) Una vita piena di passione, di sconfitte e successo ma anche segnata da episodi in manicomio, quella della Merini, oggi 90enne e considerata una delle più importanti poeti italiani del 900. Ce l'ha raccontata Viola Tatham e Jo Magic, una serata in due parti, per farci conoscere l'amore e la follia, la materia base, forse si può dire, insieme al misticismo, di tutta la sua poesia. Ci hano fatto sentire non solo le poesie (disponibili anche in per poter seguire con comodo la lettura) ma anche un brano letto da Mariangela Melato, canzoni di Milva e Roberto Vecchioni, e la voce della stessa Merini. Io non avevo mai sentito parlare della Merini, e mi è piaciuto moltissimo come Viola e Jo l'hanno presentata. Non te la racconterò tutta qui sul blog, anche perché sicuramente questa presentazione verrà replicata, e vale davvero la pena sentirla di persona.
Ti regalo invece una delle poesie quasi a caso che sono state lette durante la serata:

O MIA POESIA, SALVAMI
O mia poesia, salvami,
per venire a te
scampo alle invitte braccia del demonio:
nel sogno bugiardo
agguanta la mia gonna la sua fiamma
e io vorrei morire
per i mille patimenti che m'infligge.
Nulla vale la durata di una vita
ma se mi alzo e divoro
con un urlo il mio tempo di respiro,
lo faccio solo pensando alla tua sorte,
mia dolce chiara bella creatura,
mia vita e morte,
mia trionfale e aperta poesia
che mi scagli al profondo
perché ti dia le risonanze nuove.
E se torno dal chiuso dell'inferno
torno perché tu sei la primavera:
perché dunque rifiuti me germoglio,
casto germoglio della vita tua?
Dopo un incontro così ricco e ben organizzato, ho voluto saperne qualcosa in più sul gruppo, e Viola gentilmente mi ha portato a vedere il loro 'nido creativo' un angoletto del sim Vulcano. Qui ci sono molti elementi artistici, come il trullo di Claudio Rau, una costruzione che offre al pubblico un viaggio attraverso la storia di questi interessantissimi edifici pugliesi, le foto di giovanna Choce, e l'arte di Thorens Emmons che invece espora il tema Venezia. Ma questi sono solo alcuni membri del gruppo che hanno voluto contribuire immagini e parole su temi a loro cari.
Viola Tatham: Sono una donna di mezza età, sposata e con due figli. Fino a circa due anni fa, lavoravo da impiegata in un'agenzia di servizi, ma in questo periodo mi definisco "disoccupata". Da sempre ho considerato la poesia un'amica discreta che mi fa compagnia quando sento il bisogno di chiudere i contatti con i rumori del mondo. Ed è anche una confidente, le affido i miei pensieri che, prima di SL, a nessuno era permesso "violare". E' stata proprio SecondLife a sbloccare il mio riserbo e a darmi addirittura l'audacia di leggere in voice, davanti ad altre persone: una cosa impensabile per me, resa possibile dalla fortuna che avuto nell'incontrare amici veri.
Alda Merini è sicuramente tra i miei poeti preferiti, la considero la più grande poetessa contemporanea. Secondo me è la testimonianza vivente dell'arte poetica, che racchiude i sentimenti più intimi, capaci di provocare emozioni forti , ma soltanto in coloro che hanno il dono di saperle cogliere.
Il mio gruppo si chiama "L'Arme d'Amour" (che tradotto significa "L'arma d'amore", ma se togliamo l'apostrofo alla L diventa Larme, quindi "lacrima d'amore"). E' stato fondato nel 2007, con l'introduzione del voice e ne sono co-owner insieme al mio amico Bonach Ireton. Facciamo incontri settimanali di lettura poesie in francese, inglese e italiano. Un host per ogni lingua, il quale gestisce in modo autonomo i suoi iscritti e le sue serate. Abbiamo un incantevole angolo che traspira poesia, creato apposta per noi a Isle of Zakiya, una bellissima land a tema orientale, molto romantica, magica e accogliente. Abbiamo una piccola libreria e organizzato mostre fotografiche.
Da qualche mese, noi della "WildGoose", la sezione italiana di L'Arme d'Amour, stiamo collaborando con un altro gruppo "Italiani di SL contro la caccia", per protestare contro alcuni disegni di legge, che tendono a liberalizzare molte leggi che attualmente regolano la caccia. Essendo poeti o amanti della poesia, il nostro apporto alla protesta si basa su serate itineranti di informazione attraverso la poesia a tema animali e concorsi di poesie, con premi finali, messi a disposizione dalle varie lands e dal Gruppo contro la Caccia. In questi giorni stiamo programmando il prossimo incontro ad Agorà Saturnia, che darà il via al nostro 3° concorso di poesia.
Mentre provavo una delle belle pose nel giardino della poesia a Zakiya, ho chiesto a Viola quali posti in SL le piaccioni in particolare.
Viola Taatham: Le cose in SL cambiano in fretta, ma sono anche in continua evoluzione, pertanto ci sono sempre nuovi posti da scoprire. Naturalmente, io prediligo gli ambienti poetici, romantici o fantasiosi e anche se ultimamente ho avuto poco tempo per l'esplorazione, tre le land che ho visto ultimamente potrei consigliare a chi ha i miei stessi gusti, oltre alla nostra land delle letture, la romantica Garden of Dreams l'inquietante Crucible, l'ambiente da favola di Tempura Island o anche la fantasia allegra e colorata di Kenilworth .
Ecco una panorama del giardino della poesia italiana del gruppo L'arme d'amour... che dire di un arts park?
Viola Tatham: Se potessi creare un parco a tema, lo dedicherei a uno dei miei poeti preferiti, potrebbe essere Keats, Neruda, Emily Dickinson o la Merini, ma potrei citarne molti altri. E' una bellissima idea, penso che uno scenario creato con arte e originalità possa essere un'attrazione per avvicinare alla poesia anche i più restii. Riflettendoci, trovo interessante anche se forse complessa, l'idea di un parco dedicato ad Alda Merini, credo sarebbe una sfida appassionante per chi dovesse crearlo, cercando di rappresentare quell'intreccio di amore, follia e poesia che sono alla base della vita e della poetica della Merini.

Wednesday, June 3, 2009

French Quickie


I'll be brief....

Vernissage is a nice word, don't you think? Try saying it out loud right now, let's see who you startle. From the French for varnishing, in the art world it means a preview or opening of an exhibition, and it has a satisfying sense of both finality and new beginnings to it: the work is done, sealed with a layer of gloss, and ready to be presented to the world. Last night there was a vernissage at the PiRats sim Second France, the invitation from Merlina Rokocoko was too tempting to miss. As usual, Merlina, Newbab the team at PiRats have put together an eclectic but complementary exhibition from around the globe. The building is itself a treat for the eyes, simple sweeping lines frame the art without overpowering it.

The show is laid out over three floors, you can TP up and down or take the stairs, there's plenty to catch the eye. I loved les ste maries by cocool Tracey, and, upstairs there were some great pieces by Shellina Winkler, I also enjoyed the purple indelible scars and at the end, lots of red moving parts, both by Maryva Mayo. On the whole though, if I'm honest, I'm more of a fan of figurative than abstract sculpture, especially anything that brings RL into SL, which is why I very much enjoyed the monumental statuary of Ub Yifu, here's a sample, from which you easily can see why you'll be seeing him again in this blog. Speaking of the exciting intersection between RL and SL art brings us to Michelangelo Montague, whose work invites one to get up close and personal with such seminal pieces of manipulated americana as Harlem Nightclub 1949, Train Wreck, and Sunday afternoon on 5th street, 1910. If you're new to SL, or would like to widen your circle of friends on an international level, the regular vernissages at PiRats are the perfect place to branch out, the atmosphere is always friendly, conducive to the making of new contacts. No stuffy snobbery here, and there's always champagne on offer!