Comment Crisis

Sorry! Blogspot makes it almost impossible for real people to comment directly at the end of each post.
Your feedback is welcome via Google+, the SLArtsParks page on Facebook, or tweet #slartsparks or @thirzaember.

Sunday, July 12, 2009

Infernal Obsession: Dante Primer


The English bit is further down... just keep scrollin' along ♪ ♫♪

Questa settimana dietro il consiglio di un'amico sono andata all'inferno. Lo so, lo so, ho dei pessimi amici. Ne sono più che consapevole.
Ma invece questo consiglio non era del tutto negativo: di inferni, in Second Life - e qui si parla dell'inferno dantesco, per intenderci - ce ne sono addirrittura due, nati da due stili molto diversi, due punte di partenza a prima vista lontani l'una dall'altra, ma forse no.
Il primo inferno visitato era quello di Dante's Inferno. Se decidi di ...andarci anche te, a quel paese, be', ancor prima di abbandonare ogni speranza, bisogna fermarsi un pochino sul nome del sim per intero: Dante's Inferno and Linden Hills by Gloria Naylor. Ora, io in un primo momento ho pensato che le Linden Hills avevano qualcosa a che fare con Linden labs. Non è così, Linden Hills è un romanzo di Gloria Naylor, nel libro le 'colline Linden' sono sia un quartiere nera americana sia un'allegoria dello stesso inferno, ma un'inferno nel quale le anime hanno negato le loro radici, hanno offeso e rinnegato la loro vera identità, anziché offendere Dio. Ciò spiegherebbe questo lato del sim, la parte che approfondisce, tramite cartelli e elementi come degli automobili anni '50 una chiesetta in legno e dei fastidiosi paparazzi, lo studio del libro di Gloria Naylor. Non l'ho letto, e confesso liberamente, non ho nessunissima intenzione di farlo; il prezzo della mia testardia, l'ho trovato incomprensibile e disarmonioso, che sofferenza...
Un intero sim per rappresentare l'inferno dunque, ma con fortissimo accento americano, ideato e costruito da Desideria Stockton, Eloise Pasteur e i loro amici di Literature Alive un'iniziativa per promuovere lo studio e la conoscenza della letteratura ai lettori di tutte le età. Il terreno nerastro, toccato di rosso, sotto le stelle fredde d'una mezzanotte eterna, si scende da girone in girone; tra il fumo e il fuoco, tantissimi cartelli e schermi, informazioni tratti da wikipedia, il testo integrale dell'inferno sia in inglese che in italiano, vari spezzoni di film ispirati dalla Commedia, e brani di musica 'diabolica'. Tanti cartelli, a dire il vero, da far sembrare il Limbo più la vetrina d'un supermercato che il vestibolo dell'inferno. Un inferno da liceo, allora, pieno di indicazioni idee e approfondimenti, mirato ai giovani lettori americani. Basta contemplare la 'porta' (in inglese 'gate'), che vuol dire anche cancello e, nell'interpretazione americana della soglia dell'aldilà, troviamo proprio un cancello da fattoria.
Il sim è volutamente incompleto, qui non troverai Lucifero. Le creatrici hanno voluto dare ai viaggiatori giovani e meno giovani la possibilità di partecipare alla loro visione infernale, di ...metterci lo zampino, se vuoi. Infatti, oltre ai quiz interattivi, rocce parlanti, serbatoi di notecard e progetti per scuole, c'è in palio la bella cifra di $L10,000 destinato a chi crea il 'perfetto' Lucifero. Le istruzioni e le regole del concorso sono disponibili nell'ultima bolgia, qui in fondo, dove il muro vieta di passare alle parti più freddi (e meno politically correct).
Niente tp, dovrai ...andarci a prenderle.
Il secondo inferno invece è del gruppo di Agora Saturnia, terra atea, terra di artisti di ogni tipo, paese natale di silvestro Dagostino. Un inferno nei cieli in quanto costruito su una piattaforma sopra la land, pieno anche questo di informazioni sul libro, ma anche di balli e animazioni appropriate alle vicende delle anime dannate. Ho chiesto Silvestro come è nato il parco d'arte. Silvestro, in veste da Dante, mi ha spiegato tutto...
silvestro Dagostino: L'inferno è venuto per caso. Avevo fatto un vulcano, e vedendolo una amica, Soon Zenovka mi ha dato l'idea dell'inferno. Tutto questo circa 5 mesi fa, più o meno, ma il lavoro è fatto a periodi di non più di una settimana alla volta perchè mi consumo oltre quel periodo. Insomma ci saranno 20 giorni di lavoro in tutto per ora. Per fare l'inferno, mi sono documentato ovviamente sulla divina commedia che conoscevo solo dal titolo fino ad allora lol ! Poi, ho cominciato con la selva oscura, cercando di rappresentare anche qualche personaggio tipo Caronte, Dante, Virgilio ecc., poi andando in ordine per gironi cercando per ogni girone di rappresentare la colpa e la punizione delle varie anime con delle animazioni appropriate.

Thirza Ember: L'inferno dagostiniano dunque assomiglia a un palazzo in marmo, a più livelli o terrazze, aperta al centro come la tromba delle scale... solo che non ci sono scale. Ma l'idea originale era di creare il tutto in una gigantesca sala di marmo, o forse una caverna?
silvestro Dagostino: Sì. All'inizio avevo fatto tutto su un livello ma la fame viene mangiando la notte porta consiglio e quindi mi sono deciso a fare qualcosa di più grande.
Thirza Ember: A quanti livelli è dunque il tuo inferno, ed è vero che manca il Satana?
silvestro Dagostino: Non sono sicuro ma almeno 5 mi pare. Poi qualche girone l'ho messo sullo stesso piano di un altro, altrimenti non mi basta lo spazio. No, al Satana non sono ancora arrivato. Al finale c'è ancora tempo - molto tempo; è anche una questione di prims nella land abbiamoanche altre iniziative che necessitano di questi ...maledetti prims.
Thirza Ember: per te cosa e' l'aspetto piu bello, il fare o l'aver fatto? Ti diletta di più l'attivita' oppure vedere tutto finito?
silvestro Dagostino: il fatto è fatto me lo godo per pochi giorni tramite i complimenti che non mi dispiacciono mai. Cmq per me un lavoro non è mai finito. Il bello è quello che deve ancora venire altrimenti non ci sarebbe ragione di restare in sl per me.
Thirza Ember: Venire in contatto per la prima volta con il testo in questo modo così intimo, cercando di manipolarlo e interpretarlo in 3D, è un viaggio in sé stesso straordinario. Quale è stato l'aspetto che ti ha piu colpito, mentre lo leggevi?
silvestro Dagostino: domanda mica semplice .... come ripeto non conoscevo la divina commedia. Non l'ho stuadiata a scuola.
Thirza Ember: il libro l'hai trovato piu' breve, Molti hanno l'idea che si tratta di un libro pesante, e, visto che è stato scritto 700 anni fa, un libro antiquato, l'hai trovato così?
silvestro Dagostino: no anzi il contrario mi è sembrato molto moderno invece.
Thirza Ember: ...e il peccato piu grave???
silvestro Dagostino: non sono nemmeno a metà quindi non lo so. No. Ecco, forse lo so. Il peccato più grave è non averlo letto da ragazzo.
Thirza Ember: ahhaha
silvestro Dagostino: grave lacuna ma non è colpa mia!
Thirza Ember: bellissima risposta.
L'inferno di Dagostino e di Dante si trova tra i molti gioielli di arte a Agorà Saturnia, su sim Leiter.
This week I went to hell, well, I've been sent there so many times I thought I might as well see it for myself. Hell in SL is not other people, but two very different sims by two very different groups. First up, the Sim by Desideria Stockton, Eloise Pasteur and co of Literature Alive! a group that aims to get more people reading and appreciating literature through the kind of immersive experience only possible in a virtual environment. Neither Desideria nor Eloise was available for coment when I contacted them, shame, I would llike to have known more about the process of choosing this material for their sim. But perhaps it's obvious: in fact, the sim is not 'just' Dante, but a dialogue between two texts, on one hand, Dante, and on the other, Gloria Naylor's Linden Hills. I had never heard of this book and had just assumed Linden hills was something to do with Linden Labs, that link put me right. Which is sort of important, because standing staring out across the yawning mouth of the hellish sim, the Caddies and the old wooden church seem weirdly out of place.
Of course, there's plenty of inworld info that would have set me right hd I taken the time to read some of the notecards. The fact is, this Inferno is so packed with notecards, background information, interactive rocks, video footage, music and flames, that it is hard not to feel like a shopper on


































This exhibit is meant to engage all of your senses, and these are the tools we have used to create an immersive experience.
On each level, there are activites where guests are asked to contribute content. Please explore all the circles of Hell. There are loads of notecards and activities, the plan is for student generated content to be added as various schools begin to use the project - they can add multimedia, sharing their ideas and experiences and everyone can participate in the "Build Lucifer" contest, with a top prize of L$10,000. That getting your creative juices flowing? You might want to run over the text of the 34th Canto then! Moving about the sin - oh sorry I mean sim - is easy enough, it's an open plan hell, no tps here, but there's a gondola that takes you from level to level if you're afraid of the fall.




Dante's Inferno

No comments: