Comment Crisis

Sorry! Blogspot makes it almost impossible for real people to comment directly at the end of each post.
Your feedback is welcome via Google+, the SLArtsParks page on Facebook, or tweet #slartsparks or @thirzaember.

Saturday, November 21, 2009

Lion Heart

Meet Lion Igaly, artist, builder, gallery impresario, and all round good guy. Lion's often described as a tireless worker for his family of artists, some of them new, others well-known names in the SL art world, like Shellina Winkler, Gleman Jun and nessuno Myoo. Lion had only been in SL for a few days back in may of '07 and was in search as, he puts it, a 'reason for being in SL' when he noticed how many creative people were producing beautiful things but had nowhere to show their work. With a background in IT, building had been the first thing that drew him into the virutal world, in fact, he confessed to me that he had learnt how to make furniture before he figured out how to fly. Being the son of artists, and having also married an artist in RL, this area of our culture was the one that attracted him most and so quite naturally it occurred to him that this could be his mission in the metaverse, to put together a gallery and make exhibition spaces available, spaces that he thought about intensely before building, coming up with a design which is both functional and elegant, a literal showcase, which he called Piramide. The original building has undergone some changes, but that first construction, made in the sandbox at Secondlearning Italy, immediately became a place where many of his regular exhibitors within the group known as Orion Tales. Like Lion, many of his artists began their first experiments in primsqueezing in this very sandbox - you can see a photo down in the Italian part - and Lion stil regularly drops by to check out newcomers and invite some to put their work on show in his gallery. Secondlearning Italy is owned by an elearning company based in Florence, INDIRE and they eventually made available a space on the same sim for the Piramide gallery, just a few meters away from the place where it was first created. True to the spirit of italianate philanthropy, there are links and information boards designed specifically to help newbies through those first essential steps of grasping the fundamentals of SL. Lion has also created a teleport link to a number of other galleries, cementing the sense of alliance and community that are so important to his vision of the metaversal art world.Lion's own home reveals his sentimental side, it's the first house he ever made and he has never really changed it, apart from adding art work, of course. Like a lot of people his first attempt were hampered by not really understanding tools - he subsequently attended some classes on the same Secondlearning sim - but considering this was a true newbie effort, the result is rather handsome. The showroom on the same same site is worth a visit, nowadays Lion makes particle effects, fireworks and fountains and thanks to the income from this, is able to fund much of his gallery work. He put on a fireworks show for me while we talked.I wondered if it is difficult to keep everybody happy - artists and primcounts often can cause problems.
Lion Igaly: The first gallery quickly proved to be too small for all the artists and the pieces I wanted to show, so I got involved with another gallery, and found pieces of land to rent here and there. at one point I was running no less than four separate galleries. As far as prims are concerned, the temprezzer has really solved that problem. Any work that is more than 50 prims in size goes in a temprezzer, so no artist needs to feel he or she is limited by the primcount in the gallery or the size of other people's work.One of the most difficult aspects of running a gallery is finding appropriate and reliable sims on which to set up the gallery. The Diadem, my other gallery, was on two different sims, one of which disappeared in the night taking with it all the art, the hopes and the hard work involved in putting together an art show. This version of the Diadem was also on a sim where the owner appeared to have abandoned SL altogether, and in face just this week it also went to the bottom of the metaversal sea along with all our art. It's really frustrating when owners don't trouble over their tenants and their needs.

In his kindly manner, Lion often refers to his artists as 'ragazzi' or kids... I asked him why and he pointed out that SL has a rejuvenating effect on many participants: older people feel a new lease on life and a creativity that would not be thinkable in the hidebound lines of everyday life in the real world. He feels responsible for them, to some extent and that sense of community is very important to him, and when I asked him about the choices he makes among artists and art (I see an awful lot of genuinely horrible art in my wanderings, I can only imagine the stuff he must wade through) he gave me a very diplomatic answer, pointing out that the artists vision doesn't always transmit into the product they place before the public, and that in many cases it is a question of time and experience, not talent, that holds them back from showing something magnificent. He even managed to restore the reputation of the dreaded Slow Rotation Script, by pointing me in the direction of some magnificent sculptures that use it. Well, a little bit. I was really saddened to learn that the Diadem had disappeared, of course, we all know nothing in SL is forever, and the actual structure with its wonderful disappearing walls and floors, remains in Lion's inventory ready to be set up in its next home, but the work involved in reorganizing all the art, well, we're all familiar with the concept; those hours of care are gone for good, except that a trace remains in the appreciation his artists, his ragazzi have for Lion.
Lion Igaly: It's essential to keep moving forward. In my field, keeping updated with new techniques and improvements is the only way to survive: he who does not update is lost. I see SL as an intellectual challenge, much like a good book; if the mind is the only part of the body that never really sleeps, which is a great thing, since that constant striving for new developments and inspiration is what prevents boredom from setting in. One way I keep myself on the cutting edge is by running a course on particles. It's a free, two-part beginner's class in particles which has just been held at AdOpera, another Italian sim owned by Adamo Grau. Rather than simply presenting the same course over and over, I try to rethink it each time.
Lion is also an artist and the Tanalois gallery recently hosted a retrospective of his sculptures including the humourous Cubistic temptations on Love and Psyche of Canova shown at the top of this post, and a small but fascinating immersion piece called Electronic inside, there's a photo of it down below, which makes you feel like an electron, a tiny powerful force operating in a sea of dynamic energy, brilliant fascinating almost to the point of exhaustion a perfect metaphor for SL creatives. Check out all the photos from the show on his flickr page.
Lion Igaly: Of course, there are times when the daily grind involved in the business side of SL can be a bit tiresome, and like everyone I have my days when the prospect of coming inworld and dealing with it all is unappealing. But on the whole SL has brought me into contact with a community that I have been proud to serve, in my own small way. It has enriched my life. It's hard to imagine my life without the friendships have made here, close friends, partners in work and play; I never imagined this was possible before I came into SL, and now, I don't think I'd like to live without it.
Thirza Ember: So would you pixellate yourself if it were possible?
Lion Igaly: Well who knows? Now it looks like people are going to live to be well over a hundred years old, who can say what the future might bring? And perhaps it wouldn't be a bad life, as long as the lag stayed at a minimum. It might be a fine life...at least until the first systemwide failure at Linden Labs...

Appena dopo pochi giorni il suo arrivo in SL, nel maggio del 2007, Lion Igaly ha visto tanti creativi senza fissa dimora che avevano cose molto belle da mostrare senza un posto dove farlo. Era in cerca di uno scopo per stare in SL. Ha pensato che fare una galleria e mettere in mostra quelle belle cose poteva essere la sua missione in SL. Andava a piedi all'inizio perchè non sapeva volare, ma aveva già imparato a costruire salotti !! Essendo un po' figlio di artista, ama l'arte da sempre in SL, come in RL. L'ha pensato intensamente, l'ha immaginato funzionale per quello che doveva essere una vetrina per gioielli da mostrare e così ha immaginato e costruito la Piramide.
Accanto alla sua casa, negozio ha una attività commerciale, vende prodotti come i fuochi d'artificio visibili nella foto qui sopra nella parte inglese. Con i proventi delle vendite di SL porta avanti la sua attività di gallerista senza troppi sforzi. Costruire questa casa è stato emozionante, era alle prime armi anche con quella : non l'ha mai cambiata, ci è affezionato. Lion Igaly: Le difficoltà? All'inizio per me erano immense, non conoscevo tools per costruttori e allineavo i prims a occhio e con grande fatica e tempo. Poi ho seguito dei corsi a INDIRE e le cose sono un po' migliorate... Una volta finito di fare il palazzo ero letteralmente circondato da amici nella sandbox di indire che esprimevano molto bene la loro creatività e li ho invitati a esporre. Ho affittato un terreno, ma era troppo piccolo, ne ho affittati altri intorno per farli esporre e abbiamo creato la prima collettiva artistica, ho fondato il gruppo Orion Tales che ancora oggi espone in permanenza alla Piramide di Indire

Lion Igaly: Qui siamo a SecondLearning Italy il sim di una società pubblica di elearning di Firenze che si chiama INDIRE. Il gestore mi ha affidato uun pezzo di terra per far vedere le possibilità del building artistico. Qui ho esposto tutte le locandine delle precedenti edizioni della piramide nell'ordine.
Lion Igaly: Questa invece la sandbox di INDIRE, sono nato praticamente qui, in questo angolo. Thirza Ember: La disposizione dello spazio espositivo come la gestisci? voglio dire, puoi ospitare un numero limite di artisti e ad ognuno presumabilmente vengono concessi un certo numero di prims... litigano con te a proposito??
Lion Igaly: Con i temprezzer non è più necessario litigare. Oltre i 50 prim li facco rezzare a tempo, cosi abbiamo sempre prim a sufficienza, e ne avanzano. Lion Igaly: Cerco tutt'ora spazi espositivi per far esporre i miei ragazzi attuali e futuri. Come ti dicevo non so che fine farà questo spazio, l'owner se ne sta disinteressando, quindi sto cercando un altra sede. Hai voglia di fare un po' di scale? C'è anche l'ascensore, ma le scale sono un altra cosa, arrampicarsi in mezzo all'arte appaga gli occhi. Abbiamo anche un teleport che unisce diverse gallerie d'arte italiane, una mia iniziativa... Si sono ritirati coloro che pensavano di fare sim commerciali in SL. Avevano sbagliato l'approccio puoi fare sim commerciali, ma in modo collaborativo e alla pari senza fare il proprietario e basta SL è una comunità, prima di tutto non bisogna urtarne i sentimenti. Qui c'è di tutto: come in RL, ma bisogna dare spazio a quelli che meritano e provare a far giudicare al pubblico. Cerco solo di escludere quelli che in modo palese non hanno mezzi espressivi sufficienti a creare quello che hanno in mente. Per loro ci sarà tempo in seguito per migliorare comunque credo di avere scoperto ed aiutato ad emergere molti dei talenti italiani che ora hanno successo nel mondo di SL più internazionale. A molti dei miei ragazzi arrivano oggi tanti riconoscimenti da tutto il mondo artistico di SL e si stanno facendo valere ti faccio dei nomi: Daco Monday, Zhora Maynard, Solkide Auer, Shellina Winkler, Nessuno myoo, Kicca Igaly, Gleman Jun. In genere li cerco io, li guardo creare nella sandbox, osservo le loro opere quando le rezzano e poi propongo a loro di esporre. Qualcuno è venuto da me, qualcuno l'ho dovuto respingere, altri sono stati molto interessanti e hanno esposto le loro opere nelle mie gallerie, che fino a poco tempo fa erano tre anzi quattro, considerando anche La T&S gallery che avevo in gestione, è stato emozionante scoprire talenti come nessuno Myoo, si sono dimostrati fin da subito un passo avanti. Ci vuole indole e talento e prima o poi il talento vero sboccia come un fiore. Ho assistito a tante fioriture che solo al pensarci mi vengono i brividi è affascinante vedere emergere il talento, che a fatica si fa strada tra i pochi mezzi che l'artista all'inizio ha a disposizione. Un paio di anni fa, quasi spinto dal loro entusiasmo nel creare, mi sono fatto prendere da quello stesso entusiasmo e ho cominciato anche io a cercare di creare qualcosa che trasmettesse emozioni, visioni e simbolismi della mia mente. Dopo il primo anno di esposizioni nella Piramide sentivo la necessità di un palazzo più grande dove ospitare più artisti e più opere e più grosse e ho costruito il Diadem un palazzo che nello stile vuole essere anch'esso una vetrina ideale.

Thirza Ember: Trovo che spesso la teca - il palazzo, la galleria - chiamiamola come vogliamo, nonostante le infinite possibilità di SL, rappresenta una sfida, una distrazione dall'arte.

Lion Igaly: Sì purtroppo, ed era quello che volevo evitare, distrarre il pubblico anzi volevo condurlo a vedere quello che conta: le opere poi nella mia mente un palazzo esposizioni non deve nascondere i suoi contenuti, li deve mostrare, soprattutto qui in SL. Il Diadem era ospitato in due sim differenti, una delle quali è scomparsa improvvisamente per mancato pagamento dei fee dei suoi owner, con tanto di mostra attiva! Fu un dispiacere, vedere tradite le aspettative di tanti ragazzi che avevano posto lì le loro opere al vaglio del pubblico, ma questa è SL, un po' leggenda, un po' prosaica, un po' instabile. Anche il Diadem che rimane corre il rischio di scomparire, l'owner se ne sta disinteressando della sua sim, anzi ne ha messa in vendita una metà... Infatti proprio in questi giorni il Diadem è sparito... e si va alla ricerca di un nuovo sim dove possono essere ospitati sia le opere d'arte che il bellissimo palazzo di vetro. Ho notato che Lion parla spesso dei 'ragazzi', ed alcuni senz'altro sono minori di lui in anni real/sl, ma ho chiesto a Lion... tu li vedi tutti così?

Lion Igaly: Sono tutti ragazzi ai miei occhi perchè per stare in SL bisogna essere ragazzi dentro, e spegnere la serietà che RL ti impone di ossevare nel mondo del lavoro. Conosco amici che in RL sono molto anziani, che quando sono in SL volano con la fantasia come quando avevano 15 anni. SL è un motore per la creatività e la fantasia...

Thirza Ember: Quindi il futuro artistico di SL come lo vedi? Ci saranno sempre piu' opere interattive e (parola frusta) " immersive " ...abbiamo superato (io spero) l'epoca del slow rotation script e nasce il movimento tutto particelle, sculpties, audiovisual...

Lion Igaly: Sì, l'abbiamo superata nella media, ma alcune opere tipo quelle di nessuno, giusto per capirci, continueranno ad essere slow rotation e per fortuna. Il futuro lo vedo sempre più interessante come utilizzo del mezzo cresce l'esperienza di chi è rimasto dentro, producendo arte e questo permette di raggiungere livelli impensati per il passato. Le installazioni immersive e reattive sono sempre più numerose e ben fatte ma anche le foto e i quadri sono bellissimi... io come sfondo del mio pc, in questo momento ho una foto al tramonto del Diadem. Dirai che noia, ma per me è un ricordarmi che anche qui dentro in SL qualcuno mi aspetta e conta su di me; è la molla che mi fa andare avanti oltre le crisi di noia o repulsione che a volte mi vengono da SL, specie quando vedo le cose trasformate in routine e business. Mi piace stare in SL e trovo il modo di affinare la mente anche qui, oltre che col leggere un buon libro. Stare qui è una sfida alle proprie capacità intellettuali, la mente è l'unica parte del corpo che non dorme mai, e per me la mia non deve dormire, deve sempre correre sullo sviluppo di qualche cosa altrimenti si annoia. Adesso, per esempio, sto preparando una replica di un seminario sull'uso creativo delle particelle, ma non mi limito a replicarlo, sto lavorando per migliorarlo in modo che gli artisti che lo seguiranno possano trovare maggiori spunti per le loro opere e se poi le loro opere saranno migliori grazie anche al mio seminario, io ne trarrò grande soddisfazione - e poi ci sono i nuovi progetti che mi permetteranno di avere nuove sfide davanti a me e di accontentare quella testa che porto sul collo che non si vuole annoiare... anche io ho fatto.Di recente a Tanalois c'è stato la presentazione dell'opera omnia di Lion, e mi ha portato a vedere la mostra uno dei pezzi più bellis l'umoristico tentazioni cubiste su Amore e Psiche del Canova... altre foto e più belle delle mie le troverai qui.
Lion Igaly: Ora ti mostro la più curiosa, a mio giudizio. Prova ad entrare. Si chiama electronic inside, ti sentirai come un elettrone... Sono entrata, l'effetto era davvero molto curioso sembrava il circuito stampato di tutte le cose che avevo in programma di fare questa settimana... curiosa, ho posto a Lion questa domanda
Thirza Ember: Prima di SL, sentivi il desiderio di avere un gruppo di collaboratori cosi? immaginavi questa possibilita'?
Lion Igaly: Io non avevo la minima idea di quanto bello potesse essere il vivere la comunità di SL in amicizia, anzichè come una esperienza da mettere sotto la lente e basta. Ora lo so, e non voglio rinunciare a questo tipo di vissuto.
Thirza Ember: vorresti anche tu pixellarti? a me ogni tanto torna la voglia...
Lion Igaly: capperi, qui c'è il caso che si viva anche oltre i 100 anni a cui tendiamo su RL, fino al primo crash irreparabile dei server della Linden però, non oltre ahahahaha
Se hai o conosci qualcuno che desidererebbe ospitare questa magnifica galleria, non esitare di contattare Lion Igaly de persona. Sarai ben felice di avere tra gli amici questo bravissimo gallerista dal 'cuor di leone'...

1 comment:

Lion Igaly said...

I thank you thirza for your valuable interview