Comment Crisis

Sorry! Blogspot makes it almost impossible for real people to comment directly at the end of each post.
Your feedback is welcome via Google+, the SLArtsParks page on Facebook, or tweet #slartsparks or @thirzaember.

Friday, February 5, 2010

Cantastorie: Marjorie Fargis

And who can sever love from charity?
        Love’s Labour’s Lost. 
Fake sickdays are the best ones, also leading to the possibility of attending events that rl work (shakes fist) would not normally permit, like this afternoon, when I went to Jack Davies' place Astral Dreams and finally heard a concert and presentation by Alessio Santacroce and his band La Quarta Vita. The show was elegantly presented by giovanna Delphin of Immersiva who organize and stream on their .ning lots of live events including the hugely successful 'Scienza on the road' a series of lectures by physicists, doctors, psychologists and others designed to make science more accessible and fun. And don't say to me 'oh but it will all be in Italian, I won't be able to follow,' go see for yourself, I think you'll be pleasantly surprised. Events are advertised in the usual way. Meanwhile back at Astral Dreams, Alessio's presentation revealed a surprising and delightful twist. He's in it for the money, but in the best possible way... money from the CD and from his book (called I Giudici, a short novel about four very different people who get stuck in a life together) go to a charity called Anthropos that helps people in Southern Sudan: thanks to contributions, including Linden love, they have already built one school in the area, and are working on a second one. A very worthy cause; for more details, IM giovanna Delphin or go to Alessio's Facebook page and take it from there.
The show was a really well put together mixture of songs, readings, interview and sandy beach. I sat with Marjorie Fargis, whose delicious decollete delights all the boys (she paid me to say that). Later in the evening she gave couple of readings from the book. She has a warm, lively voice, and it was lovely to hear it. I asked Marjorie how she got into the live reading and presenting side of SL.
Marjorie Fargis: I started in SL in 2008, and at the beginning spent time in voice mostly chatting with friends, but over a period of time that turned into invitations to be reader and presenter at all kind of things, from fashion shows to art openings. I remember very well my first proper event: it was an open mic evening on the theme "The Uselessness of Art" It was supposed to get people thinking and talking and in fact a number of really interesting comments were made, but things didn't go exactly smoothly. After a while the discussion got onto the topic of religion, and the situation got pretty tense. I had to really bend over backwards to get back control of the evening, but in a way, that made it an even more pleasant experience, I felt like I'd really been able to handle the situation, and I'd had a lot of fun doing it too. I really love working with Talete Flanagan and giovanna Delphin of Immersiva, and one of my fondest memories is the evening we did a film quiz night. There were loads of people present, and giovanna and I improvized sketches for the audience to guess, it was hilarious. But I am also very committed to being part of Immersiva's remit to make science and culture accessible to all. Since most people consider this a platform for entertainment, it's really something of an achievement when we talk about subjects that are a bit more meaty, and manage to make them appetizing. It gives me a lot of satisfaction when people keep coming back for more. True, sometimes things go wrong, voice fails or there are other technical glitches, but I love to rise to the challenge, that's part of the pleasure of hosting: my attitude is 'The show must go on'!
I wondered what advice Marjorie would have for anyone considering a similar path in SL.
Marjorie Fargis: When you host an event, you have to have a global understanding of what is going on around you. Choose your venue wisely. Think in terms of occupancy, lag, security and traffic rather than just the look of the place on the screen. You need good people around you, the kind of people who are willing to give the best of themselves in the moment. Getting your event noticed is also key, advertising it on social networks like FB and getting a plug on various blogs helps a lot. Researching and rehearsing the event is essential too... at the end of the day, it's a lot of work, but it pays off! The only way to make it work it by being patient and willing to work hard... and the payoff will come.
Marjorie's not a builder, she sees herself as an observer, a raconteur rather than a creator, but she believes very strongly in the educational value of the metaverse, and tries to bring inworld many of the artists that thrill her in RL. I asked her who she'd pick if she were going to make an Arts Park.
Marjorie Fargis: That's a hard question. I see myself as a storyteller - in Italian we say cantastorie a story singer: I don't build, but I'd like to make a Burning Life style sim where artists could interpret their favourite RL works - art within art! If I had to pick a single person, it would be  actor and director Kenneth Branagh. I've always loved the way he reinterprets Shakespeare in his films with originality and imagination. I would have a sim-stage, where avatar actors could perform in plays in Branagh's style, and the production could really go wild with imaginative scenery that would transcend place and time. I am thinking of it as a global work of art, where musicians could provide and play original music, creating a truly immersive experience for the audience, who would be a part of the action, where voices in many languages would join together, acting, singing and improvising. It would be a sort of infernal circle for virtual souls where the parts of actors, creators and spectators become fused and bring into being new art...that unique and exclusive expression that only the metaverse makes possible.


Libera per una volta di entrare in SL in un orario inconsueto... e di sentire per la prima volta la musica di Alessio Santacroce. Alessio, livornese, è scrittore e cantautore, ha presentato a Astral Dreams la land di Jack Davies. Il nuovo CD di Alessio si chiama La quarta via, come il suo band, e l'ha presentato  insieme a un nuovo libro. S'intitola I giudici : quattro estranee si trovano bloccati in un ascensore - la brava Marjorie Fargis ha letto per noi un paio di brani di questo breve ma avvincente romanzo, davvero bello, acquistarlo significa non solo poter conoscere la finale imprevedibile del libro, ma anche contribuire a una buona causa, la costruzione di scuole nel Sudan, un'iniziativa di Anthropos
Sentendola leggere cosi bene i brani dal libro, ho voluto sapere cosa significa fare la presentatrice in SL, e ho chiesto a Marjorie di raccontarmi un po al sua storia. Si trova in SL dal 2008; inizialmente frequentava una piccola land dove più che eventi si tenevano delle chiacchierate di confronto tra amici, poi con il passaparola iniziarono a chiederla di presentare serate di ogni genere in diverse land. Ero curiosa di sapere se si ricordava la prima esperienza da presentatrice metaversale.
Marjorie Fargis: Oh sì che la ricordo! Decisi di organizzare una serata sull'arte, usai come tema un intervento che avevo scritto per la RL e che si intitolava "L'inutilità dell'Arte", volevo provocare una discussione. Intervennero persone diverse fu molto bello. Ma non andò tutto liscio. Ad un certo punto qualcuno cambiò nettamente il tema della discussione portandolo sulla religione e la situazione cominciò a farsi tesa. Feci davvero i salti mortali per riprendere la conduzione della serata. Poi però si concluse tutto per il meglio. Mi sentivo bene. Sono esperienze che vivo anche nella RL e che mi portano una grande carica. Poi quando finiscono c'è lo scarico della tensione e quella nube di stelline che ti girano intorno alla testa attribuendoti un'espressione molto buffa di soddisfazione. L'evento che ricordo mi ha divertita di più è stata una serata ad Immersiva. Presentammo un quiz sul cinema a cui parteciparono in molti. Sul palco eravamo giovanna Delphin ed io e trascorremmo tutta la serata a divertire il pubblico con degli sketch improvvisati.  Gli eventi a cui sono più affezionata sono quelli in collaborazione con giovanna Delphin e Talete Flanagan. Ci occupiamo di divulgazione culturale e scientifica. La bellezza sta proprio nella difficoltà di affrontare degli argomenti seri in una piattaforma originariamente dedicata al gioco. La soddisfazione si raggiunge quando il pubblico conferma il proprio apprezzamento ritornando più volte ad ascoltarti. Infatti personalmente quasi non credevo di riuscire a tenere sveglie tutte quelle persone parlando di scienza nella letteratura.
 E quando SL non vuole collaborare...?
Marjorie Fargis: A volte ci sono problemi con il voice, che per presentare è fondamentale e la maggior parte delle serate sono dominate dal lag che impedisce di svolgere le presentazioni con una certa armonia. Ma sono una donna fortunatamente dotata di spirito d'iniziativa e al minimo problema..cerco sempre di andare avanti con l'evento inventandomi qualcosa..."Show must go on!". Questo tipo di lavoro richiede una conoscenza a 360 gradi di tutti gli aspetti che compongono l'evento. La ricerca del luogo dove si svolgerà è vincolata non solo alla bellezza o meno della land, ma soprattutto alla sua capacità di ospitare avatar e alla sua frequentazione (problemi di sicurezza o di di poco traffico). La gestione dei collaboratori che devono poter dare il meglio nei momenti che dedicano a SL. La divulgazione dell'evento in SL e fuori con una campagna mirata che vada a toccare i maggiori social network e i blog che parlano di metaverso. La verifica e supervisione dei contenuti...insomma è un lavoro...vero e proprio! Consiglio a chi vuole organizzare eventi in SL di armarsi di pazienza e buona volontà.
Marjorie si definisce osservatrice, cantastorie, non builder, ma crede fermamente nel potere educativo e divulgativo del Metaverso, e cerca di portare inworld gli artisti che conosce in RL: le ho chiesto che tipo di Arts Park creerebbe se avesse la possibilità.
Marjorie Fargis: Domanda impegnativa! Mi piacerebbe riunire degli artisti in una sim vuota tipo quella del Burning Life e dar loro la possibilità di creare opere all'interno di un ambiente da loro stessi ideato: arte che contiene arte! Se dovessi scegliere scelgo Kenneth Branagh, il regista/attore, che seguo da anni nelle sue assolutamente fantasiose rivisitazioni delle opere di Shakespeare. Pensando a lui immagino una land palcoscenico dove si possano rappresentare con gli avatar le opere di Shakespeare e dove la sua già fervida immaginazione si possa sbizzarrire a creare scenografie virtuali per commedie e tragedie traslate di tempo e luoghi. Penso ad opere d'arte virtuali realizzate per dar vita a queste rappresentazioni. A musicisti che realizzino accompagnamenti atti a rendere il tutto assolutamente immersivo per gli spettatori, che verrebbero a far parte loro stessi della rappresentazione.  A voci in tutte le lingue che si intreccino per recitare, cantare ed improvvisare. Insomma una specie di girone infernale per anime virtuali dove i ruoli di attori, creatori e spettatori si confondessero per dar vita ad arte nuova... quella espressione unica ed esclusiva che solo il metaverso concede.

No comments: