Comment Crisis

Sorry! Blogspot makes it almost impossible for real people to comment directly at the end of each post.
Your feedback is welcome via Google+, the SLArtsParks page on Facebook, or tweet #slartsparks or @thirzaember.

Sunday, June 22, 2008

Time Travel: The Wellsian Library at Caledon

One cannot choose but wonder. Will he ever return? It may be that he swept back into the past, and fell among the blood-drinking, hairy savages of the Age of Unpolished Stone... Or did he go forward, into one of the nearer ages, in which men are still men, but with the riddles of our own time answered and its wearisome problems resolved? Into the manhood of the race... He, I know, saw in the growing pile of civilization only a foolish heaping that must inevitably fall back upon and destroy its makers in the end. If that is so, it remains for us to live as though it were not so. And I have beside me, for my comfort, two strange white flowers - shrivelled now, and brown and flat and brittle - to witness that even when mind and strength are gone, gratitude and a mutual tenderness still lived on in the heart of man.
- The Time Machine, H.G. Wells.
Ah, the romance of travel. No-one did it with more style than the Victorians, whether in real time and space or through the virtual reality of ink and paper. So what a delight to discover, in the Independent State of Caledon, a place dedicated to "The Art of Going", where books about real and imaginary voyages undertaken in the 19th century have been brought together under one impressive roof at the Wellsian Library. The library is named after H. G. Wells, author of such late 19th century classics as The Invisible Man, War of the Worlds, The Island of Dr. Moreau and The Time Machine. My personal favourite is the short story The Door in the Wall - and if you just clicked on that link, you're going to love this place and indeed all the libraries curated by Mr. JJ Drinkwater pictured above.
Despite his hectic schedule as chief librarian - a job that, among other things, involves liasing with literary groups in SL, organizing events, overseeing additions to the collections, and keeping track of the preparation of new buildings and learning tools, Mr. Drinkwater very kindly took the time show me how the library's impressive resources are managed. He also called me Miss Ember, I could get used to that. There are so many things here to tell you about, big and small, but here's a taste of what is available.
Click on the H.G.Wells travel trunk, and take home his collected works. Or pick up the complete works of Edgar Allen Poe. Presided over by a fine model of the Time Machine itself (and yes, of course you can sit in it) the bookshelves at the Wellsian provide links to the travel writings of all the great British authors of what is styled the 'long 19th century' embracing the works of Daniel Defoe on the eve of the industrial revolution, through to the opening salvoes of the Great War, via such literary geniuses and wits as Boswell and Charles Dickens: "My favourite travel piece by Dickens is 'Our French Watering-place'," Mr Drinkwater told me. I'd never read it, and I said so. He smiled. "You'll find it on the shelves here." And indeed I did.
Steampunk is the defining genre of the 30 sims that make up Caledon. If you're not familiar with the word, don't worry, turns out it has nothing to do with Sid Vicious in the sauna as I feared at first; think instead of a marriage between Victorian elegance and modern technology, with whimsy and social equity thrown in. You don't have to dress up, or get 'ye olde English' here, but I was delighted to find that old-fashioned courtesy is definitely in vogue. More than that, the courtesy seems part of a wider sense of excellence, stability, reliability and good humour that every SL community may aspire to but few achieve.
Residents interested in roleplay can use the library resources to get historical detail right, and as a basis for plotlines. Others, interested in building, turn to them for inspiration and ideas, while scholars and amateur enthusiasts can use the combination of reading materials and interactive 3D experience as a tool for thinking about the history, literature and ideas of the period. "The Caledon Library collects 19th-century novels, nonfiction works, and periodicals, along with materials from earlier eras considered important in the 19th century. We also collect research materials concerning the world of the 19th century and its imagination. The books provide our patrons with resources that are high in quality in point of view of completeness, accuracy (or verifiability), and a scholarly approach, as well as accessibility and ease of navigation," he revealed. "Patrons can read the texts offworld, but a surprising number choose to sit down inside SL, often in one of our gardens or reading rooms." If you're wondering what a page would look like, check out this image courtesy of Mr. Drinkwater:
The Caledon Library Book Server 2.6 by ZenMondo Wormser and many other tools found here are free and modifiable; patrons are encouraged take them, play with them and find innovative ways to turn them into new tools. A philosophy of enlightened philanthropy that borrows all the best bits of the Victorian age. Mr. Drinkwater mentioned CoyoteAngel Dimsum, whose generous donations of land, time and talent have made the Library what it is today, as a sterling example of this way of life.

Much like a good university, each library in Caledon touches on a different area of research and contains both primary and secondary sources. (Notecards with all the library landmarks and reading rooms are available at the Caledon Welcome Center and elsewhere). The Marie Curie branch, for example, contains books about Science, Technology, Poetry, and the precursor literatures of the Steampunk genre. At Tinyville, you will find children's books and materials that show the heroic nature of children in Victorian literature - adding interesting literary and historical perspective to the 'child avatar' issue. Well, obviously, I could go on and on, point you to the library's website, their youtube channel, and other blogs and information about Caledon, and tell you about their anthem, (you can see it on the wall in the photo below). I could invite you to click here to hear an interview with 'the Guvnah' of Caledon, Desmond Shang, or recount how I walked the railway line clear across the sim, encountering all manner of wonderous architecture, but that will be for another time.
"It was, I tell you, an enchanted garden, I know. And the size? Oh, It stretched far and wide..."
H.G. Wells, The Door in the Wall
Non resta che meravigliarsi. Tornerà? Forse fu trasportato nel passato ed è finito tra i sanguinari selvaggi pelosi dell’Epoca delle Pietre Rozze... Forse è andato avanti, ad una delle ere più vicine, dove gli uomini sono ancora uomini, ma dove gli enigmi dei nostri tempi sono stati sciolti e le sue questioni tediose hanno trovato risposta? Verso l’età virile della razza... Egli, ne sono convinto, vide nell’accumulo crescente della civiltà un mucchio assurdo destinato inevitabilmente a ricadere ed a distruggere i suoi fautori alla fine. Se è vero, sta a noi vivere come se non fosse così... Ed io ho accanto a me, per consolarmi, due fiori bianchi strani - avvizziti ora, e marroni e piatti e fragili - testimoni del fatto che, anche quando erano venute meno la mente e la forza, la gratitudine ed una tenerezza reciproca continuarono a vivere nel cuore dell’uomo.
- La macchina del tempo, H.G.Wells
Certo che i vittoriani sapevano viaggiare con stile. Viaggi romanzeschi, fantasiosi. Viaggi veri in luoghi così esotici da sembrare irreali, viaggi attraverso una realtà virtuale fatta di carta e penna. Che bello scoprire, nello Stato Indipendente di Caledon, un posto dedicato all "Arte dell'andare" alla biblioteca di Wells. Dedicato a H. G. Wells, noto scrittore de L'uomo invisibile, L'isola del dottor Moreau, La guerra dei mondi e La macchina del tempo. Mio racconto preferito è La porta nel muro. E se hai appena cliccato su quel link, la biblioteca di Caledon è posto per te.

La biblioteca Wellsian è solo una delle undici curate dal direttore Sig. JJ Drinkwater (foto in alto). Impegnatissimo - consulta con i vari gruppi letterari di SL, organizza le collezioni e testi elettonici aggiornati, soprintende nuovi edifici e attrezzi - ha trovato tempo per dimostrarmi come funziona una biblioteca in Second Life. Mi ha chiamato Miss Ember, nessuno me l'ha mai detto prima - mi piace! I tesori della biblioteca sono tanti, ti segnalo solo due, un baule cliccabile regala non solo un bel pezzo d'antiquariato ma anche le opere di H.G. Wells. Qui troverai anche le opere di Poe in cinque volumi rilegati in vera pelle - OK vera pelle no, ma sono regali che abbelliscono sia la casa che la fantasia. Sui scaffali della biblioteca Wellsian troverai libri disponibili e molto letti durante il regno della regina Vittoria. Tra i quali Charles Dickens, il diarista James Boswell, e Daniel Defoe. Quest'ultimo, famoso per il suo Robinson Crusoe, scrisse anche un libro sui viaggi fatti intorno all'inghilterra fornendoci quadri preziosi della vita quotidiana brittanica nel periodo attorno alla rivoluzione industriale. E se non leggi l'inglese, puoi sempre fare un salto sulla macchina del tempo come ho fatto io! Il Sig. Drinkwater non è solo collezionista, è anche lettore appassionato e mi ha segnalato un bel racconto di Dickens: "La nostra stazione termale francese" un ritratto intimo d'un paesino francese dal punto di vista d'un turista inglese del '900. Chi legge questi libri? Residenti della trentina di sim che fanno parte dello stato indipendente Caledon, e la migliaia di aderenti al gruppo Caledon Library. Sono in gran parte appassionati di Steampunk. A prima vista questo nome fa pensare a Sid Vicious nella sauna - immagine orribile - e infatti non c'entra niente, Steampunk praticamente è l'unione tra l'eleganza vittoriana e la fantascienza, dalle idee del novecento fino alla tecnologia di oggi e domani. A Caledon non è d'obbligo portare i vestiti d'epoca o addottare le frasi un po' barocche del passato. Ma su una cosa insistono, le buone maniere. Dalla loro gentilezza nasce un'ambiente colorato da un armonioso spirito di communità, di generoso volontariato, di progetti duraturi fatti insieme con premura e talento, soprattutto di buon umore.
Le risorse della biblioteca sono utili ai residenti che giocano di ruolo e desiderano perfezionare il loro personaggio o la trama che stanno seguendo. I libri sono stati scelti con cura, con l'enfasi sull'accesso facilitato e piacevole. Vogliono farci leggere! Si tratta di fonti primari come romanzi, diari, giornali, saggi del periodo, ma anche fonti secondari affidabili, libri di storia ad esempio. Tutto ciò illumina anche le creazioni di chi costruisce. Academici storici e amatori del periodo trovano utile mescolare i testi con l'esperienza di 'vivere' il '900 virtuale per poter approfondire la loro conoscenza del carattere, le idee, la letteratura dell'epoca. Naturalmente si possono leggere questi libri online senza ricorrere a Second Life, ma il Sig. Drinkwater mi disse non è di rado che incontri in biblioteca qualcuno ranicchiato in una comoda poltrona, leggendo un bel romanzo... darti un'idea di come sono questi libri, sopra troverai una foto di un libro di Poe.
Gli script utilizzati qui sono gratuiti copiabili e modificabili. "Vogliamo che i clienti della biblioteca, e tutti i residenti, si servono di questi utensili, li porti via e ci giocano, magari trovando applicazioni nuove," disse Drinkwater. Questo spirito illuminista ricorda tutti gli aspetti più belli di un'epoca rimpianta. Molti residenti si prodigano per il benessere del gruppo, dando del loro tempo, Linden e creatività, la brava CoyoteAngel Dimsum è un fulgido esempio di questo modo di vivere il metaverso. Come una grande università, la biblioteca di Caledon è divisa in reparti. Puoi trovare un elenco completo al Caledon Welcome Center e altrove. Alla biblioteca Wellsian, come abbiamo detto, libri sui viaggi veri e immaginati del '900. Alla Marie Curie libri sulla scienza la tecnologia la poesia e testi nei generi precursori del steampunk. Alla biblioteca di Tinyville troverai libri per bambini, e anche letteratura sulla natura eroica del fanciullo nei romanzi vittoriani, riflessioni utili considerato come è scottante in questo periodo la questione dei avatar-bambini in SL.

Come avrai capito qui c'è tanto, troppo da raccontarti. Potrei segnalarti il sito web della biblioteca, il loro canale youtube i molti blog anche in italiano disponibili, potrei invitarti ad ascoltare un'intervista in inglese con il 'Governatore' di Caledon Desmond Shang o potrei raccontarti del mio vagabondaggio attraverso il sim seguendo la ferrovia, incontrando per puro caso un paesaggio bellissimo e architettura meravigliosa... ma non credere a me. Ci devi andare e scoprirlo di persona.
"Dico, era un giardino incantato. Ne sono certo. E le sue misure? O, si estendeva in ogni direzione."
- La porta nel muro, H.G. Well

No comments: